A Lugo l’epopea di Francesco Baracca. I video del convegno

Francesco Baracca, nato nel 1888 a Lugo di Romagna, morì a Colle del Montello, nel trevigiano, nel giugno del 1918. Il suo aereo, su cui era dipinto un “cavallino rampante”, fu ritrovato sulle pendici del Montello. In quei giorni era in corso una delle più violente battaglie della Prima guerra mondiale: quella decisiva. Gli austriaci avevano attaccato ancora una volta le linee del Piave, ma non erano riusciti a sfondare il fronte. L’esercito italiano passò al contrattacco e il nemico cominciò a ritirarsi. Ma sul Montello le forze austriache ancora resistevano a tutti gli assalti degli italiani. Si decise così di martellare le trincee nemiche con l’aviazione. Partirono il maggiore Baracca e il tenente Osnago. Baracca non fece ritorno: morì a trent’anni, combattendo per l’unità d’Italia. Era un libero muratore, apparteneva alla Loggia Dovere e Diritto di Lugo di Romagna e al Rito Scozzese Antico e Accettato.

Un convegno pubblico ne ha celebrato la figura a Lugo di Romagna, nel ravennate, il 16 giugno su iniziativa delle logge del Grande Oriente d’Italia che portano il suo nome e che hanno sede a Grosseto, Perugia e naturalmente a Lugo. Era presente il Gran Maestro Stefano Bisi. Il Collegio Circoscrizionale dell’Emilia Romagna ha pubblicato gli interventi di tutti i relatori nel proprio canale YouTube.

16 giugno. A Lugo l’epopea di Francesco Baracca. I video del convegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.