Cimelio di Carducci nella casa massonica cagliaritana

Sabato 16 novembre, nella casa massonica di Cagliari, nell’ambito del Collegio Circoscrizionale della Sardegna, presieduto da Giancarlo Caddeo, si è svolta la cerimonia di consegna di un cimelio dell’illustre Fratello Giosuè Carducci, Premio Nobel, generosamente donato al Collegio dal signor Luisito Bozzo, sassarese di nascita, collezionista d’arte e oggetti di interesse storico ma da lungo tempo residente negli Stati Uniti.

Cimelio Giosuè Carducci

Il cimelio consiste in una ciocca di capelli di Carducci ed è appuntato su un biglietto da visita intestato al Comm. Gran Uff. Antonio Modoni (allora Presidente del comitato regionale della Croce Rossa Italiana), recante la seguente dichiarazione firmata: “Ciocca di capelli recisi a Giosuè Carducci, nella libreria del suo editore Zanichelli il primo luglio 1904 dal barbiere Luigi Marchi ed avuti cortesemente dall’amico comune Cesare Zanichelli”.

L’oggetto prezioso è unico nel suo genere per quanto riguarda Carducci e la donazione è pervenuta alla circoscrizione sarda grazie all’interessamento del Fratello Francesco Azzena, della Loggia Giovanni Maria Angioy (355) di Sassari, che dichiarando la propria appartenenza alla Massoneria ha sensibilizzato l’amico Luisito sull’altissimo valore simbolico che tale reliquia avrebbe avuto per l’Istituzione massonica.

La consegna del cimelio carducciano

Pensando di fare cosa gradita, il Presidente Caddeo ha assegnato temporaneamente al Consiglio di Cagliari il cimelio, affinché venga esposto, con giusto risalto, nella casa massonica.

“Resta inteso – ha evidenziato Caddeo – che le Logge della Circoscrizione potranno disporre della reliquia, previo parere del Collegio, per l’esposizione in occasione di iniziative e manifestazioni massoniche, che potranno essere programmate”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.