Ci sono persone su cui poter contare sempre

Nella prova del dolore ho avuto accanto tanti Fratelli, amici e cittadini. La perdita di mia madre è stata per me un viaggio nella finitezza della vita, nell’esperienza del limite. La morte è sempre un’esperienza propria, che non può essere trasferita ad altri. Ho pianto, ma non da solo.
La vicinanza di tanti Fratelli e amici mi ha aiutato a gettare lo sguardo sulla profondità dell’oltre, a rendere meno amari i campi lunghi del silenzio.
Vorrei dire ‘grazie’ a tutti quelli che mi hanno telefonato o inviato messaggi, mi hanno scritto o dimostrato in mille modi che erano con me. Vorrei dire ‘grazie’, ma questa parola non si usa per i Fratelli né per gli amici. Loro sanno come sei fatto e cosa ti porti nel cuore, anche quando è gonfio, e i ricordi ti inchiodano. E allora dico solo che scalda il cuore sapere che in momenti come questi tante persone si sono fatte presenti e hanno avuto un pensiero per me e per la mia famiglia. Le ho sentite accanto, centinaia e centinaia. Non lo dimentico e non lo dimenticherò.
Mi affido a questi pensieri per rispondere a quanti mi sono stati vicini, portando con me l’affetto di tutti.

Gustavo Raffi
Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia

 

 

La vicinanza della Comunione al Gran Maestro



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.