Cagliari 4 aprile 2009 – (AGI) Morto Armandino Corona, Gran Maestro che processò Gelli.

E’ morto nella notte a Cagliari, all’età di 88 anni, Armandino Corona, ex uomo politico e imprenditore ma, soprattutto, gran maestro della massoneria. Si è spento nell’ospedale Santissima Trinità dopo il ricovero, in gravi condizioni, nel reparto di gastroenterologia. Corona, notissimo in Sardegna, divenne famoso in Italia quando, presidente della Corte Centrale, supremo organo di giustizia della massoneria, istruì e porto a termine il processo contro Licio Gelli, che venne condannato ed espulso dalla massoneria del Grande Oriente d’Italia.

Nato a Villaputzu, nel Cagliaritano, il 3 aprile 1921, Corona iniziò la carriera politica nel suo paese come consigliere comunale. Dopo una iniziale simpatia per il Psd’Az, aderì al Partito repubblicano dove militò per gran parte della sua vita fino ad avvicinarsi, negli ultimi anni, a Forza Italia. E’ stato consigliere regionale tre volte dal 1969 al 1984 e, dal 1977 al 1979, assessore regionale agli Affari Regionali, carica oggi ricoperta, nella giunta guidata da Ugo Cappellacci, dalla figlia Ketty. Nel 1981, Armandino Corona venne eletto, unico repubblicano nella storia dell’autonomia sarda, presidente del Consiglio regionale. Nel Pri ricoprì diverse cariche per diventare segretario regionale e membro della segreteria e del consiglio nazionale del partito. Considerato da sempre uomo di potere, ritiratosi dalla politica attiva, Corona ha trascorso gli ultimi anni della sua vita dedicandosi alle diverse attività imprenditoriali curate dai figli.

(AGI) 4 apr 09



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.