Aperti al dialogo con le autorità morali e istituzionali dell’Umbria

Il “dialogo da instaurare con la autorità morali e istituzionali della Regione” è una delle priorità indicate dal nuovo presidente del Collegio circoscrizionale dei Maestri Venerabili dell’Umbria del Grande Oriente d’Italia-Palazzo Giustiniani, Antonio Perelli, che resterà in carica nel prossimo triennio. In un comunicato del Grande Oriente d’Italia dell’Umbria, Perelli esprime anche l’intenzione di “proseguire il cammino del dialogo e del costruire insieme aprendo le porte dei templi alla cittadinanza non tanto per mostrare i luoghi in cui si riuniscono ma soprattutto per far conoscere le radici, la storia, la cultura e la vocazione prioritaria della Massoneria universale di fare agli altri tutto il bene che vorremmo che gli altri facessero a noi”.

Nel comunicato il nuovo presidente esprime anche “la massima disponibilità alle scuole e alle università per una lettura adeguata e scevra da interpretazioni mediatiche della storia della massoneria umbra basata su testimonianze, testi e documenti, anche inediti, forse non sufficientemente valutati o adeguatamente interpretati in passato. Non è certamente un caso che l’Umbria sia la regione italiana con la percentuale più alta di massoni e che nelle città umbre sia visibile la presenza dell’Istituzione con una imponente intitolazione di strade, piazze, edifici e servizi pubblici a massoni illustri come Raffaello Silvestrini, Giuseppe Evangelisti, Mario Angeloni, Annibale Vecchi, Enzo Paolo Tiberi a Perugia, Luigi Pianciani a Spoleto, Domenico Benedetti Roncalli a Foligno e Benedetto Brin a Terni, solo per citarne alcuni”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.