(AdnKronos) Consulta: giurista Volli, in vicenda ex ‘Schiavi di Hitler’ ha vinto la giustizia

Affermato un principio, ci si può rivalere contro chi ha negato l’umanità dell’altro.

“Una pagina di giustizia. E una riaffermazione dei veri principi di libertà e di possibilità di rivalersi nei confronti di chi ha negato l’uomo”. Enzio Volli, giurista dell’Università di Trieste, commenta così, con l’Adnkronos, la sentenza della Consulta che ha dichiarato incostituzionali le norme che impediscono di agire in giudizio contro la Germania. “Occorre studiare bene la sentenza -spiega il rappresentante della comunità ebraica a Trieste- ma ora si può agire, perché questi reati contro l’umanità non cadono in prescrizione”.

Alle famiglie delle vittime Volli, che è anche Gran Maestro Onorario del Grande Oriente d’Italia, indirizza un abbraccio ideale, sottolineando che “dopo tanti anni di richiesta di giustizia, il giusto risarcimento, che è dovuto, è secondario rispetto all’affermazione di un principio: è stata sancita una responsabilità, e ha vinto la giustizia”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.