Addio al Gran Maestro Onorario Pino Abramo. Bandiera a mezz’asta a Villa “Il Vascello”.

Bandiera a mezz’asta a Villa “Il Vascello” in segno di lutto per la morte del Gran Maestro Onorario Pino Abramo, che si è spento ieri a Roma all’età di 81 anni. Il Gran Maestro Stefano Bisi, i membri della sua giunta e tutta quanta la Comunione si stringono con grande commozione intorno alla moglie Anna e alla famiglia in questo momento di dolore.

Gran Maestro Onorario dal 2011, carica che gli fu conferita per acclamazione da oltre mille fratelli riuniti nel Tempio durante i lavori della Gran Loggia di Rimini, dopo che dal 2001 aveva ricoperto l’incarico di Gran Segretario, Abramo, è stato a lungo un punto di riferimento per il Grande Oriente.

Studioso di Sacra Scrittura, della Cabala e del pensiero ebraico, ha pubblicato numerosi contributi scientifici, tra i quali il libro “Il Cantico dei Cantici” e la “Tradizione Cabalistica. Trascendenza e immanenza nell’unione fra maschile e femminile” (Bastogi Editrice). E’ stato anche relatore in importanti convegni internazionali.

Il ricordo dell’ex Gran Maestro Gustavo Raffi

“Se n’è andato un grande massone, un amico, una persona speciale”. Con profonda commozione l’ex Gran Maestro Gustavo Raffi ricorda Pino Abramo, che è stato per oltre dieci anni il suo più stretto collaboratore e che durante la sua gran maestranza ha ricoperto l’incarico di Gran Segretario. “Pino era un uomo di grandissima cultura e di una straordinaria e raffinata intelligenza”, ha sottolineato Raffi, che ha appreso la notizia della scomparsa di Abramo mentre si trova all’estero. “Era uno studioso appassionato di storia, filosofia e grandi religioni e in generale di spiritualità umana. Mi mancherà moltissimo”, ha aggiunto l’ex Gran Maestro. “In questo momento -ha concluso- il mio pensiero va anche alla moglie Anna e alla figlia Antonella. Al loro dolore, al quale mi unisco”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.