Il Gran Maestro ha inaugurato la mostra “Al Vascello con Leonardo”, dedicata ai 60 disegni del “De Divina Proportione”

Al Vascello con Leonardo. Dopo la Gran Loggia di Rimini dello scorso aprile, il Grande Oriente d’Italia è tornato a rendere omaggio all’artista e scienziato fiorentino, di cui quest’anno ricorrono i 500 anni dalla morte, avvenuta ad Amboise in Francia il 2 maggio 1519,  con una mostra allestita in collaborazione con  il  Mumec,  il  Museo  dei  Mezzi  di Comunicazione di Arezzo, che è stata inaugurata mercoledì 18 alle 18 in apertura  delle celebrazioni per il XX Settembre e  dell’Equinozio d’Autunno. A tagliare il nastro il Gran Maestro Stefano Bisi e a presentare l’inizitiva il professor Fausto Casi, direttore scientifico del Mumec, che attraverso slide esemplificative ha spiegato il senso dell’esposizione, dedicata alle opere, magnifiche sculture in legno, ispirate a 60  preziosi  disegni, che  Leonardo eseguì per il “De Divina Proportione” del frate francescano Luca Pacioli, poliedri “solidi, vacui, tagliati e stellati”.

Il manoscritto, completato con i disegni di Leonardo che pure si trovava a Milano, presso la Corte Sforzesca, fu realizzato in tre copie manoscritte, delle quali sono ora reperibili solo due, una presso la Biblioteca Pubblica Universitaria di Ginevra e l’altra nella Biblioteca Ambrosiana di Milano. 

Casi, nel corso della sua conferenza, ha anche illustrato la celebre vite aerea di Leonardo, che ispirerà la costruzione dell’elicotere nell’era moderna, e di cui è stata esposta   una  riproduzione. La mostra al Vascello, della quale il Grande Oriente ha pubblicato anche un catalogo, sarà visitabile fino al 29 settembre, eccetto domenica 22, con ingresso libero e gratuito (9:30-13 e 14-17).




Un commento a “Il Gran Maestro ha inaugurato la mostra “Al Vascello con Leonardo”, dedicata ai 60 disegni del “De Divina Proportione”

  1. Di fronte a Leonardo non c’è che Stupore, Ammirazione e Bellezza. Una Vita dedicata al voler comprendere, sino in fondo, la Natura e i Suoi Segreti.Perchè la Natura Insegna e noi, Umilmente dovremmo apprendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *