Rimini 15 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria: a Rimini si chiude Gran Loggia, massima assise annuale.

Rimini 15 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria: a Rimini si chiude Gran Loggia, massima assise annuale.

“La Massoneria del Grande Oriente d’Italia si propone l’elaborazione di un progetto di un nuovo umanesimo per il rinascimento dei valori, la sola via per pervenire ad una civiltà della persona edificata sui fondamenti culturali di uguaglianza, libertà, fratellanza, tolleranza: nostri valori, questi, che conducono all’amore gratuito dell’uomo per il proprio simile e che non potranno mai essere acquistati da alcuna società finanziaria”.

Lo ha detto Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, chiudendo i lavori della Gran Loggia 2007, la massima assise annuale della maggiore istituzione massonica italiana che ha visto riuniti a Rimini oltre 2mila massoni in rappresentanza degli oltre 18mila iscritti alle 671 Logge del Grande Oriente d’Italia e delegazioni di venticinque Grandi Logge estere. .

“La Massoneria – ha detto ancora – configurandosi come ambiente formativo al di là delle diversità delle condizioni culturali, sociali ed economiche, rappresenta un ambito di esistenza e, nel contempo, lo sfondo di valore entro il quale accogliere l’istanza etica, corroborarla con i propri principi, elaborarla in forma di comunicazione significativa e affidarla al confronto culturale”.

“Noi, dunque – ha concluso Raffi – come sentinelle etiche contro trionfanti ideologie del non-pensiero, volte a costruire le condizioni spirituali del futuro; per compiere, spedizioni verso le terre del non-ancora, utopia speranza; non per conquistarle, per esserci, non per integrarvisi, ma per essere ‘altro’ anche nell”altrove'”.

(9Colonne) 15 APR 07

Rimini 15 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: Raffi (GOI), sentinelle etiche nuovo umanesimo.

Rimini 15 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: Raffi (GOI), sentinelle etiche nuovo umanesimo.

“La Massoneria del Grande Oriente d’Italia si propone l’elaborazione di un progetto di un nuovo umanesimo per il rinascimento dei valori, la sola via per pervenire ad una civiltà della persona edificata sui fondamenti culturali di uguaglianza, libertà , fratellanza, tolleranza: nostri valori, questi, che conducono all’amore gratuito dell’ uomo per il proprio simile e che non potranno mai essere acquistati da alcuna società finanziaria”.

Lo ha detto l’ avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, chiudendo i lavori della Gran Loggia 2007, la massima assise annuale della maggiore istituzione massonica italiana, che ha visto riuniti a Rimini oltre duemila massoni in rappresentanza degli oltre 18.000 iscritti alle 671 Logge del Grande Oriente d’Italia e delegazioni di 25 Grandi Logge estere.

“La Massoneria – ha aggiunto – configurandosi come ambiente formativo al di là delle diversità delle condizioni culturali, sociali ed economiche, rappresenta un ambito di esistenza e, nel contempo, lo sfondo di valore entro il quale accogliere l’ istanza etica, corroborarla con i propri principi, elaborarla in forma di comunicazione significativa e affidarla al confronto culturale. Noi, dunque, come sentinelle etiche contro trionfanti ideologie del non-pensiero, volte a costruire le condizioni spirituali del futuro”.

(ANSA) 15 APR 2007

Rimini 15 aprile 2007 – (Adn kronos) Massoneria: Raffi (GOI), noi saremo sentinelle etiche.

Rimini 15 aprile 2007 – (Adn kronos) Massoneria: Raffi (GOI), noi saremo sentinelle etiche.

“La Massoneria del Grande Oriente d’Italia si propone l’elaborazione di un progetto di un nuovo umanesimo per il rinascimento dei valori, la sola via per pervenire ad una civilta’ della persona edificata sui fondamenti culturali di uguaglianza, liberta’, fratellanza, tolleranza: nostri valori, questi, che conducono all’amore gratuito dell’uomo per il proprio simile e che non potranno mai essere acquistati da alcuna societa’ finanziaria”. Lo ha detto l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, chiudendo i lavori della Gran Loggia 2007, la massima assise annuale della maggiore istituzione massonica italiana che ha visto riuniti a Rimini oltre duemila massoni in rappresentanza degli oltre diciottomila iscritti alle 671 Logge del Grande Oriente d’Italia e delegazioni di venticinque Grandi Logge estere.

“La Massoneria – ha detto ancora – configurandosi come ambiente formativo al di la’ delle diversita’ delle condizioni culturali, sociali ed economiche, rappresenta un ambito di esistenza e, nel contempo, lo sfondo di valore entro il quale accogliere l’istanza etica, corroborarla con i propri principi, elaborarla in forma di comunicazione significativa e affidarla al confronto culturale”.

“Noi, dunque – conclude Raffi – come sentinelle etiche contro trionfanti ideologie del non-pensiero, volte a costruire le condizioni spirituali del futuro; per compiere, spedizioni verso le terre del non-ancora, utopia speranza; non per conquistarle, per esserci, non per integrarvisi, ma per essere ‘altro’ anche nell”altrove'”.

(Adn kronos) 15 APR 2007

Rimini 14 aprile 2007 – (Adn kronos) Coppie di fatto: Raffi (GOI), no a nuovo braccio di ferro tra fede e società civile.

Rimini 14 aprile 2007 – (Adn kronos) Coppie di fatto: Raffi (GOI), no a nuovo braccio di ferro tra fede e società civile.

“Su un tema cosi’ importante come quello dei Dico e’ indispensabile un confronto sereno e aperto evitando un nuovo braccio di ferro tra la dottrina della fede e la societa’ civile. Questa problematica non puo’ essere affrontata attraverso proclami, scomuniche e richiami alla famiglia naturale senza una riflessione sulla complessita’ della vita di relazione” .

Lo ha detto l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, durante la seconda giornata dei lavori della Gran Loggia 2007 “Pedagogia delle libertà”, in corso di svolgimento a Rimini.

“Si difende, a giusto titolo – ha detto ancora Raffi – proprio la famiglia naturale, che in realta’ e’ il frutto di una complessa evoluzione storica e sociale, mentre non si ricorda che nel nostro paese e’ diventato drammatico per le donne lavoratrici avere figli, senza strutture adeguate e senza servizi degni di questo nome; si dimentica la problematicita’ del sistema delle adozioni, oltre al fatto che la possibilita’ di trovare un lavoro stabile alza sempre di piu’ l’eta’ media dei giovani che entrano finalmente nella dimensione del mondo degli adulti”.

“Abbiamo pero’ anche qualche dubbio sul fatto che la famiglia naturale – ha concluso – una volta costituita secondo il rito concordatario, possa essere sciolta dai tribunali rotali, cancellando giuridicamente anche gli effetti civili, come se nulla fosse mai accaduto. Si danno, in questo modo diverse e fortemente squilibrate a svantaggio della dignita’ di uno Stato Laico”.

(Adn kronos) 14 APR 2007

Rimini 14 aprile 2007 – (Virgilio Notizie – APCom) Massoneria/De Paoli: E’ stata baluardo della libertà. “Apertura al pubblico apprezzabile segno di trasparenza”.

Rimini 14 aprile 2007 – (Virgilio Notizie – APCom) Massoneria/De Paoli: E’ stata baluardo della libertà. “Apertura al pubblico apprezzabile segno di trasparenza”.

“La Massoneria è stata un baluardo nella difesa della libertà del cittadino pagandone un prezzo durissimo soprattutto durante il fascismo, periodo durante il quale ne era stata decretata la sua messa fuorilegge”.

Lo ha detto, rivolgendosi agli oltre duemila massoni in rappresentanza degli oltre diciottomila iscritti e alle venticinque delegazioni di altrettante Grandi Logge estere, il sottosegretario alle politiche giovanili, Elidio de Paoli, intervenendo a Rimini alla Gran Loggia 2007.

“L’apertura al pubblico, ai rappresentanti delle istituzioni e alla stampa della maggiore della vostra massima assise annuale – ha detto ancora de Paoli, sottolineando anche la sua presenza ufficiale a nome del governo – rappresenta una straordinaria azione di trasparenza che va valutata molto positivamente”.

(Virgilio Notizie – APCom) 14 APR 2007

Rimini 14 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: De Paoli, baluardo della difesa della libertà.

Rimini 14 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: De Paoli, baluardo della difesa della libertà.

“La Massoneria è stata un baluardo nella difesa della libertà del cittadino pagandone un prezzo durissimo soprattutto durante il fascismo, periodo durante il quale ne era stata decretata la sua messa fuorilegge”.

Lo ha detto – secondo un sunto diffuso dagli organizzatori del convegno – il sottosegretario alle Politiche giovanili Elidio De Paoli intervenendo a Rimini (“a nome del Governo”) alla ‘Gran Loggia 2007’ del Grande Oriente d’Italia di palazzo Giustiniani, alla quale da ieri partecipano oltre duemila massoni, in rappresentanza di oltre 18.000 iscritti, e 25 venticinque delegazioni di altrettante Grandi Logge estere.

“L’apertura al pubblico, ai rappresentanti delle Istituzioni e alla stampa della maggiore delle vostre massime assise annuali – ha detto ancora De Paoli – rappresenta una straordinaria azione di trasparenza che va valutata molto positivamente”.

“Da parte mia – ha commentato il Gran Maestro Gustavo Raffi – non posso che esprimere la più viva soddisfazione per il riconoscimento che giunge alla Massoneria del Grande Oriente d’ Italia di Palazzo Giustiniani da un rappresentante del Governo. Esso si aggiunge alle affermazioni di qualche mese fa dello storico Paolo Prodi, che aveva definito il Grande Oriente d’Italia come ‘una delle più’ importanti agenzie produttrici di etica che abbia creato dal suo seno la storia dell’Occidente: entrambe le dichiarazioni rappresentano un’ulteriore dimostrazione della giustezza della strada da noi intrapresa volta a creare la vera Massoneria di popolo”.

(ANSA) 14 APR 2007

Rimini 14 aprile 2007 – (ANSA) Dico: Raffi (GOI), indispensabile confronto sereno e aperto.

Rimini 14 aprile 2007 – (ANSA) Dico: Raffi (GOI), indispensabile confronto sereno e aperto.

“Su un tema così importante come quello dei Dico è indispensabile un confronto sereno e aperto, evitando un nuovo braccio di ferro tra la dottrina della fede e la società civile. Questa problematica non può essere affrontata attraverso proclami, scomuniche e richiami alla famiglia naturale senza una riflessione sulla complessità della vita di relazione”.

Lo ha detto Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, durante la seconda giornata dei lavori della Gran Loggia 2007 ‘Pedagogia delle libertà’, in corso a Rimini.

“Si difende, a giusto titolo – ha aggiunto Raffi – proprio la famiglia naturale, che in realtà è il frutto di una complessa evoluzione storica e sociale, mentre non si ricorda che nel nostro paese è diventato drammatico per le donne lavoratrici avere figli, senza strutture adeguate e senza servizi degni di questo nome; si dimentica la problematicità del sistema delle adozioni, oltre al fatto che la possibilità di trovare un lavoro stabile alza sempre di più l’età media dei giovani che entrano finalmente nella dimensione del mondo degli adulti”.

“Abbiamo però anche qualche dubbio sul fatto che la famiglia naturale – ha concluso – una volta costituita secondo il rito concordatario, possa essere sciolta dai tribunali rotali, cancellando giuridicamente anche gli effetti civili, come se nulla fosse mai accaduto”.

(ANSA) 14 APR 2007

Rimini 14 aprile 2007 – (APCom) Massoneria/De Paoli: è stata baluardo della libertà.

Rimini 14 aprile 2007 – (APCom) Massoneria/De Paoli: è stata baluardo della libertà.

“La Massoneria è stata un baluardo nella difesa della libertà del cittadino pagandone un prezzo durissimo soprattutto durante il fascismo, periodo durante il quale ne era stata decretata la sua messa fuorilegge”.

Lo ha detto l`avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d`Italia di Palazzo Giustiniani, chiudendo i lavori della Gran Loggia 2007, la massima assise annuale della maggiore istituzione massonica italiana che ha visto riuniti a Rimini oltre duemila massoni in rappresentanza degli oltre diciottomila iscritti alle 671 Logge del Grande Oriente d`Italia e delegazioni di venticinque Grandi Logge estere.

Lo ha detto, rivolgendosi agli oltre duemila massoni in rappresentanza degli oltre diciottomila iscritti e alle venticinque delegazioni di altrettante Grandi Logge estere, il sottosegretario alle politiche giovanili, Elidio de Paoli, intervenendo a Rimini alla Gran Loggia 2007.

“L`apertura al pubblico, ai rappresentanti delle istituzioni e alla stampa della maggiore della vostra massima assise annuale – ha detto ancora de Paoli, sottolineando anche la sua presenza ufficiale a nome del governo – rappresenta una straordinaria azione di trasparenza che va valutata molto positivamente”.

(Apcom) 14 APR 07

Rimini 13 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, Grande Oriente d’Italia a Napolitano: possibile una società più giusta.

Rimini 13 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, Grande Oriente d’Italia a Napolitano: possibile una società più giusta.

“La Massoneria italiana rivolge un saluto deferente al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, simbolo dell’unità del Paese. I liberi muratori del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la più antica e riconosciuta istituzione massonica italiana, riuniti a Rimini in occasione della Gran Loggia 2007, ribadiscono la loro forte e convinta adesione ai valori laici di libertà, di eguaglianza, e tolleranza alla cui affermazione hanno storicamente sempre dato un grande contributo nella costituzione dell’Unità d’Italia”..

E’ quanto si legge in un telegramma inviato al Presidente della Repubblica dalla Gran Loggia 2007 del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani apertasi oggi a Rimini alla presenza di oltre duemila massoni e di venticinque delegazioni di Grandi Logge estere.

“I Massoni del Grande Oriente d’Italia ribadiscono, ancora una volta – si legge ancora – la più assoluta osservanza della Costituzione repubblicana ed alle Leggi che ad essa si conformano e la più assoluta lealtà verso le Istituzioni democratiche del Paese. Sottolineano come solo con l’affermazione dei valori propri della personalità umana sarà possibile creare una società più giusta, rispettosa delle minoranze e in grado di dare risposte alle esigenze dei più deboli, degli oppressi e degli emarginati certi”.

“Ricordano oggi, infine, a duecento anni dalla nascita – conclude il telegramma – il loro Gran Maestro Giuseppe Garibaldi modello esemplare e massimo artefice della Nazione finalmente liberata dal giogo delle tirannie straniere”.

(9Colonne) 13 APR 07

Rimini 13 aprile 2007 – (AGI) Bagnasco: solidarietà del Grande Oriente d’Italia.

Rimini 13 aprile 2007 – (AGI) Bagnasco: solidarietà del Grande Oriente d’Italia.

“Esprimo a monsignor Bagnasco tutta la mia personale solidarieta’ e vicinanza, assieme a quelle dei Massoni tutti, per gli ignobili attacchi e per le inaudite minacce cui e’ stato oggetto nei giorni scorsi”.

Lo ha detto oggi il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, Gustavo Raffi, aprendo a Rimini i lavori della Gran Loggia 2007.

“Soprattutto in questo particolare momento – ha detto ancora – si rende necessaria la forza delle idee che si deve contrapporre all’idea della forza: la violenza va condannata e combattuta sempre e comunque anche quando si dissente dal pensiero dell’altro”.

(AGI) 13 APR 2007

Rimini 13 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: Cossiga, siete strumento lotta per le libertà.

Rimini 13 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: Cossiga, siete strumento lotta per le libertà.

“La vostra Fratellanza come strumento di lotta per le libertà “. Lo scrive il presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga in un messaggio inviato al Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, Gustavo Raffi, in occasione della Gran Loggia 2007, che si è aperta oggi a Rimini..

“Non massone, ma di famiglia massonica – scrive Cossiga, il cui messaggio è stato diffuso dal grande Oriente – da cattolico, da liberale, e da repubblicano ho sempre difeso la vostra Fratellanza come strumento di lotta per la libertà”.

(ANSA) 13 APR 2007

Rimini 13 aprile 2007 – (ANSA) CEI: Bagnasco; Raffi (GOI), solidarietà per ignobili attacchi.

Rimini 13 aprile 2007 – (ANSA) CEI: Bagnasco; Raffi (GOI), solidarietà per ignobili attacchi.

“Esprimo a monsignor Bagnasco tutta la mia personale solidarietà e vicinanza, assieme a quelle dei Massoni tutti, per gli ignobili attacchi e per le inaudite minacce cui è stato oggetto nei giorni scorsi”.

Lo ha detto il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, Gustavo Raffi, aprendo a Rimini i lavori della Gran Loggia 2007.

“Soprattutto in questo particolare momento – ha detto ancora – si rende necessaria la forza delle idee che si deve contrapporre all’idea della forza: la violenza va condannata e combattuta sempre e comunque, anche quando si dissente dal pensiero dell’altro”.

(ANSA) 13 APR 2007

Rimini 13 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: messaggio Grande Oriente d’Italia a Napolitano.

Rimini 13 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: messaggio Grande Oriente d’Italia a Napolitano.

“La Massoneria italiana rivolge un saluto deferente al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, simbolo dell’unità del Paese. I liberi muratori del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la più antica e riconosciuta istituzione massonica italiana, riuniti a Rimini in occasione della Gran Loggia 2007, ribadiscono la loro forte e convinta adesione ai valori laici di libertà, di eguaglianza, e tolleranza alla cui affermazione hanno storicamente sempre dato un grande contributo nella costituzione dell’Unità d’Italia”.

E’ quanto si legge in un telegramma inviato al Presidente della Repubblica dalla Gran Loggia 2007 del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, che si è aperta a Rimini alla presenza di oltre 2.000 massoni e di 25 delegazioni di Grandi Logge estere.

“I Massoni del Grande Oriente d’Italia ribadiscono, ancora una volta – si legge – la più assoluta osservanza della Costituzione repubblicana ed alle Leggi che ad essa si conformano e la più assoluta lealtà verso le Istituzioni democratiche del Paese. Sottolineano come solo con l’affermazione dei valori propri della personalità umana sarà possibile creare una società più giusta, rispettosa delle minoranze e in grado di dare risposte alle esigenze dei più deboli, degli oppressi e degli emarginati certi”.

“Ricordano oggi, infine, a duecento anni dalla nascita – conclude il telegramma – il loro Gran Maestro Giuseppe Garibaldi, modello esemplare e massimo artefice della Nazione finalmente liberata dal giogo delle tirannie straniere”.

(ANSA) 13 APR 2007

Rimini 11 aprile 2007 – (Adn kronos) Massoneria: al via a Rimini da venerdì Gran Loggia GOI. Quest’anno dedicata alla ‘Pedagogia delle Libertà’.

Rimini 11 aprile 2007 – (Adn kronos) Massoneria: al via a Rimini da venerdì Gran Loggia GOI. Quest’anno dedicata alla ‘Pedagogia delle Libertà’.

La Massoneria come laboratorio di idee, motore di proposte culturali sui grandi temi di attualita’ intende concorrere responsabilmente e produttivamente alla “ricostruzione” dell’uomo, affinche’ l’esito delle dinamiche presenti nell’attuale momento storico non conduca a una mesta deriva per la cultura e per la civiltà”. Cosi’ l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, spiega la scelta di dedicare la Gran Loggia 2007, in programma al Palacongressi di Rimini dal 13 al 15 aprile al tema “Pedagogia delle Libertaà”. Da segnalare, infine, che proprio poche settimane fa gli iscritti al Grande Oriente d’Italia hanno superato quota 18mila suddivisi in 671 Logge.

“Globalizzazione, rapidi mutamenti di modelli culturali, di costumi, di comportamenti individuali e collettivi, nuovi razzismi e nuove emergenze planetarie – sottolinea- sono molte le sfide e le emergenze esistenziali che l’uomo di oggi deve prepararsi ad affrontare. E’ in questo scenario che vanno considerati la funzione e il ruolo della pedagogia per la elaborazione di un nuovo paradigma educativo”. Alla tradizionale assise annuale della maggiore Istituzione liberomuratoria italiana, che proprio in queste settimane ha superato una quota di 18mila iscritti suddivisi in 671 Logge, e’ prevista quest’anno la presenza di circa duemila Massoni e di circa venticinque delegazioni di Grandi Logge di Europa, Stati Uniti e Sud America.

“Una edizione della Gran Loggia di particolare rilievo – aggiunge il Gran Maestro Raffi – perche’ intende lanciare alla societa’ un messaggio di impegno e di educazione alle liberta’, al fine di essere costruttori di comprensione e di dialogo, in un mondo troppe volte trafitto dall’ingiustizia e dalla violenza, e per giungere ad un etica della responsabilita’ che ponga l’uomo al suo centro e che combatta la disaffezione alla socialità”.

La Gran Loggia 2007 si aprira’ venerdi’ 13 aprile alle ore 9, con un omaggio – nella ricorrenza del Bicentenario della nascita – a Giuseppe Garibaldi, eroe dei due Mondi e Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia: l’inaugurazione di due mostre a lui dedicate: “I Mille di Garibaldi nell’album di Alessandro Pavia” e “Cimeli Garibaldini”. Altro momento significato, nella stessa mattinata di venerdi’, l’inaugurazione della mostra “I Tarocchi, storia, Arte, Magia”, a cura dell’associazione culturale “Le Tarot”. Sempre nel corso della prima giornata della Gran Loggia sono previsti il convegno di studi “Liberta’ civili, con i docenti universitari Sergio Moravia, Roberto Balzani, Alberto Melloni e Claudio Bonvecchio, e alle ore 18, momento ormai tradizionale quello dell’allocuzione del Gran Maestro che – come avviene ormai da anni – verra’ resa in forma pubblica dopo la sospensione dei Lavori Rituali per consentire l’ingresso nel Tempio delle Autorita’ e dei rappresentanti delle Istituzioni, del pubblico e della stampa.

I Lavori Rituali proseguiranno per l’intera giornata di sabato 14 aprile in contemporanea con altre iniziative culturali e di approfondimento. Tra queste, la Tavola Rotonda prevista per le ore 17,30 “Liberta’ future”, con gli interventi di Alessandro Meluzzi, Giulio Giorello, Antonio Baldassarre, Oscar Giannino e Morris Ghezzi. Chiudera’ la giornata il concerto “Stralunato recital-live” di Antonella Ruggiero. La Gran Loggia si concludera’ domenica 15 con l’ultima Tavola Rotonda su “Educazione alla libertà” con gli interventi di Antonio Panaino, Luisella Battaglia, Dino Cofrancesco, Giuseppe Spadafora. Anche quest’anno in occasione della Gran Loggia 2007 sono previste una serie di iniziative collaterali tra le quali, la Fiera del libro e delle riviste massoniche storiche con una ricca rassegna di pubblicazioni specializzate e una esposizione di quadri, sculture e gioielli di simbologia

Rimini 11 aprile 2007 – (Wall Street Italia) Duemila massoni alla Gran Loggia 2007.

Rimini 11 aprile 2007 – (Wall Street Italia) Duemila massoni alla Gran Loggia 2007.

Circa duemila massoni in rappresentanza degli oltre 18mila iscritti al Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani sono attesi venerdì a Rimini per la Gran Loggia 2007, la tradizionale assise annuale della maggiore Istituzione liberomuratoria italiana. Ci saranno anche venticinque delegazioni di Grandi Logge di Europa, Stati Uniti e Sud America. La Gran Loggia sarà dedicata alla “Pedagogia delle Libertà”.

“La Massoneria come laboratorio di idee, motore di proposte culturali sui grandi temi di attualità intende concorrere responsabilmente e produttivamente alla “ricostruzione” dell’uomo, affinché l’esito delle dinamiche presenti nell’attuale momento storico non conduca a una mesta deriva per la cultura e per la civiltà”, ha detto il Gran Maestro avvocato Gustavo Raffi, presentando oggi l’appuntamento. La Gran Loggia 2007 si aprirà con un omaggio – nella ricorrenza del Bicentenario della nascita – a Giuseppe Garibaldi, che fu anch’egli Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia.

(Wall Street Italia) 11 APR 2007

Roma 11 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, da venerdì a Rimini la Gran Loggia 2007.

Roma 11 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, da venerdì a Rimini la Gran Loggia 2007.

Circa duemila massoni in rappresentanza degli oltre 18mila iscritti al Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani sono attesi venerdì a Rimini per la Gran Loggia 2007, la tradizionale assise annuale della maggiore Istituzione liberomuratoria italiana. Ci saranno anche venticinque delegazioni di Grandi Logge di Europa, Stati Uniti e Sud America. La Gran Loggia sarà dedicata alla “Pedagogia delle Libertà”.

“La Massoneria come laboratorio di idee, motore di proposte culturali sui grandi temi di attualità intende concorrere responsabilmente e produttivamente alla “ricostruzione” dell’uomo, affinché l’esito delle dinamiche presenti nell’attuale momento storico non conduca a una mesta deriva per la cultura e per la civiltà”, ha detto il Gran Maestro avvocato Gustavo Raffi, presentando oggi l’appuntamento. La Gran Loggia 2007 si aprirà con un omaggio – nella ricorrenza del Bicentenario della nascita – a Giuseppe Garibaldi, che fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia.

(9Colonne) 11 APR 07

Roma 10 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, nuovo sito internet per il Grande Oriente d’Italia.

Roma 10 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, nuovo sito internet per il Grande Oriente d’Italia.

In concomitanza con la Gran Loggia 2007 – in programma a Rimini dal 13 al 15 aprile – il Grande Oriente d’Italia ha rinnovato il suo sito internet (www.grandeoriente.it).

Una nuova veste e una nuova impostazione orientata a comunicare a tutti l’attività istituzionale e la presenza nella società del Grande Oriente d’Italia: un’area multimediale ricca di contributi audio-video, una sezione bibliografica e molte informazioni sull’Obbedienza massonica regolare più antica d’Italia.

(9Colonne) 10 APR 07

Roma 6 aprile 2007 – (9Colonne) Anniversari, omaggio del Grande Oriente d’Italia a Garibaldi.

Roma 6 aprile 2007 – (9Colonne) Anniversari, omaggio del Grande Oriente d’Italia a Garibaldi.

“Garibaldi fu forse il Massone italiano dell’Ottocento più noto e autorevole. La sua adesione alla Massoneria, fu una scelta meditata e vincolante, che egli maturò a metà della sua esistenza e che mantenne in modo consapevole fino alla morte. Un’adesione che divenne ancor più convinta nel 1862, dopo i fatti di Aspromonte, quando gli obiettivi di costruire uno stato laico e democratico e di liberare Roma dal dominio temporale dei Papi si identificano, di fatto, con quelli della Massoneria”.

Così il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, avvocato Gustavo Raffi, traccia la figura di Garibaldi massone che sarà ricordata nel corso della Gran Loggia “Pedagogia delle libertà” in programma a Rimini dal 13 al 15 aprile prossimi.

“Il legame di Garibaldi con l’istituzione liberomuratoria e l’identificazione con i suoi ideali e valori culturali – ha aggiunto il Gran Maestro Raffi – divennero saldissimi nell’ultimo scorcio della vita. Fu, infatti, impegnato nelle file del movimento pacifista e nella battaglia, che vide ovunque i massoni in prima fila, per promuovere la costituzione di organismi di arbitrato a livello internazionale che scongiurassero il ricorso alle guerre. Così come la Massoneria di quegli anni si prodigò per l’affermazione del suffragio universale, per l’emancipazione femminile, per la diffusione dell’istruzione obbligatoria, laica e gratuita e per diffondere in Italia l’idea e la pratica della cremazione”.

Due i momenti dedicati a Garibaldi a Rimini durante l’Assise annuale della Massoneria e che inaugurano la serie delle numerose iniziative che saranno organizzate nel corso dell’anno: le mostre “I Mille di Garibaldi” nell’album di Alessandro Pavia e Cimeli Garibaldini, organizzate rispettivamente dal Servizio Biblioteca – in collaborazione con la casa editrice Gangemi – e dall’Archivio storico del Grande Oriente d’Italia.

(9Colonne) 6 APR 07

Rimini 5 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: Omaggio Grande Oriente al ‘Massone Garibaldi’.

Rimini 5 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: Omaggio Grande Oriente al ‘Massone Garibaldi’.

“Garibaldi fu forse il Massone italiano dell’Ottocento più noto e autorevole. La sua adesione alla Massoneria fu una scelta meditata e vincolante, che egli maturò a metà della sua esistenza e che mantenne in modo consapevole fino alla morte. Un’adesione che divenne ancor più convinta nel 1862, dopo i fatti di Aspromonte, quando gli obiettivi di costruire uno stato laico e democratico e di liberare Roma dal dominio temporale dei Papi si identificano, di fatto, con quelli della Massoneria”. Così il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, Gustavo Raffi, traccia la figura di Garibaldi massone che sarà ricordata nel corso della Gran Loggia ‘Pedagogia delle liberta”, in programma a Rimini dal 13 al 15 aprile.

“Il legame di Garibaldi con l’istituzione liberomuratoria e l’identificazione con i suoi ideali e valori culturali – rileva Raffi – divennero saldissimi nell’ultimo scorcio della vita. Fu, infatti, impegnato nelle file del movimento pacifista e nella battaglia, che vide ovunque i massoni in prima fila, per promuovere la costituzione di organismi di arbitrato a livello internazionale che scongiurassero il ricorso alle guerre. Così come la Massoneria di quegli anni si prodigò per l’affermazione del suffragio universale, per l’emancipazione femminile, per la diffusione dell’istruzione obbligatoria, laica e gratuita e per diffondere in Italia l’idea e la pratica della cremazione”.

Due saranno i momenti dedicati a Garibaldi a Rimini durante le Assise annuali della Massoneria e che inaugureranno una serie di iniziative che saranno organizzate nel corso dell’anno: le mostre ‘I Mille di Garibaldi’ nell’album di Alessandro Pavia e ‘Cimeli Garibaldini’, organizzate rispettivamente dal Servizio Biblioteca – in collaborazione con la casa editrice Gangemi – e dall’Archivio storico del Grande Oriente d’Italia. La prima riproduce, in 72 pannelli, arricchiti di didascalie esplicative l’intero ‘Album dei Mille’, che venne realizzato dal fotografo ottocentesco Alessandro Pavia con l’intenzione di raccogliere in un unico volume tutti i ritratti dei partecipanti alla spedizione guidata dal generale Garibaldi.

La seconda presenta, oltre a numerose foto di Garibaldi, a lettere autografe del Generale, il cappello e il poncho di Garibaldi che furono depositati al Grande Oriente d’Italia. Alla Gran Loggia 2007 ‘Pedagogia delle liberta”, che ospiterà anche la mostra ‘Tarocchi, Storia, Arte e Magia’ curata dall’Associazione Culturale ‘Le Tarot’, sono in programma numerose iniziative culturali aperte al pubblico: dibattiti e tavole rotonde alle quali parteciperanno studiosi, storici, filosofi e sociologi, che esamineranno tra l’altro “il ruolo della Massoneria rispetto ai grandi temi della società di oggi”.

(ANSA) 5 APR 2007

Roma 5 aprile 2007 – (Adn kronos/Adnkronos Cultura) Storia: Garibaldi massone, se ne parla a Rimini. Le iniziative in occasione del bicentenario dell’eroe dei due mondi.

Roma 5 aprile 2007 – (Adn kronos/Adnkronos Cultura) Storia: Garibaldi massone, se ne parla a Rimini. Le iniziative in occasione del bicentenario dell’eroe dei due mondi.

Garibaldi, il massone italiano dell’Ottocento piu’ noto e autorevole: attorno a questo aspetto della figura dell’Eroe dei Due Mondi si svolgera’ l’intervento del Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, avvocato Gustavo Raffi, nel corso della Gran Loggia “Pedagogia delle libertà” in programma a Rimini dal 13 al 15 aprile prossimi.
Secondo il Gran Maestro Raffi, infatti, l’adesione alla Massoneria di Garibaldi, fu una scelta meditata portata avanti fino alla morte, “ancor piu’ convinta nel 1862, dopo i fatti di Aspromonte, quando gli obiettivi di costruire uno stato laico e democratico e di liberare Roma dal dominio temporale dei Papi si identificano, di fatto, con quelli della Massoneria”.

Due saranno i momenti dedicati a Garibaldi a Rimini durante l’Assise annuale della Massoneria e che inaugurano la serie delle numerose iniziative che saranno organizzate nel corso dell’anno: le mostre “I Mille di Garibaldi” e “Cimeli Garibaldini”, organizzate rispettivamente dal Servizio Biblioteca in collaborazione con la casa editrice Gangemi e dall’Archivio storico del Grande Oriente d’Italia. La prima riproduce, in settantadue pannelli, arricchiti di didascalie esplicative l’intero “Album dei Mille” che venne realizzato dal fotografo ottocentesco Alessandro Pavia con l’intenzione di raccogliere in un unico volume tutti i ritratti dei partecipanti alla spedizione guidata da Garibaldi. La seconda presenta, oltre alle foto di Garibaldi, lettere autografe del Generale, il cappello e il poncho di Garibaldi che furono depositati presso il Grande Oriente d’Italia.

Alla Gran Loggia 2007 “Pedagogia delle liberta”‘ che ospitera’ anche la mostra “Tarocchi, Storia, Arte e Magia” curata dall’associazione culturale “Le Tarot”, sono in programma numerose iniziative culturali aperte al pubblico: dibattiti e tavole rotonde alle quali parteciperanno studiosi, storici, filosofi e sociologi, che esamineranno, tra l’altro, il ruolo della Massoneria rispetto ai grandi temi della societa’ di oggi.

(Adn kronos/Adnkronos Cultura) 5 APR 2007

Rimini 2 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: la magia dei tarocchi in mostra a Rimini.

Rimini 2 aprile 2007 – (ANSA) Massoneria: la magia dei tarocchi in mostra a Rimini.

Tarocchi protagonisti a Rimini in una mostra (‘Tarocchi: storia, arte e magia) in programma al Palazzo dei Congressi dal 13 al 15 aprile.

L’esposizione, curata dall’Associazione culturale ‘Le Tarot’, organismo di studio e ricerca diretto dal medievalista Andrea Vitali, sara’ presentata in occasione della Gran Loggia 2007 del Grande oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore istituzione massonica italiana. Il percorso della mostra sara’ diviso in sei sezioni che approfondiranno il rapporto tra tarocchi, arte, iconografie e pensiero filosofico ed etico. Saranno esposte stampe antiche, volumi, libri e ovviamente tantissime carte.

Oltre alla mostra, la Gran Loggia 2007 prevede dibattiti e tavole rotonde con storici, studiosi, filosofi e sociologi che discuteranno del ruolo della massoneria della societa’ odierna. Infine, altre due mostre ricorderanno Giuseppe Garibaldi, a duecento anni dalla nascita: ‘I mille di Garibaldi nell’album di Alessandro Pavia’ e ‘Cimeli garibaldini’.

(ANSA) 2 APR 2007

Roma 2 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, mostra sui tarocchi in occasione della Gran Loggia 2007.

Roma 2 aprile 2007 – (9Colonne) Massoneria, mostra sui tarocchi in occasione della Gran Loggia 2007.

“Tarocchi: Storia, Arte e Magia” è il titolo della mostra – curata dall’Associazione Culturale “Le Tarot”, organismo di studio e ricerca storica composto da autorevoli personalità del mondo accademico e culturale italiano presieduto da Andrea Vitali, iconologo medievista – che sarà presentata a Rimini dal 13 al 15 aprile, (Palazzo dei Congressi) in occasione della Gran Loggia 2007 del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore istituzione massonica italiana.

All’inizio del quattrocento il mazzo dei Tarocchi fu inventato non solo per giocare a carte, ma anche per insegnare ai giocatori i mezzi e gli strumenti per con cui scoprire la volontà divina. Secondo la concezione cosmologica del tempo, legata all’aristotelismo, l’uomo poteva percepire il pensiero divino solo attraverso degli intermediari – che appaiono nei Tarocchi – ad esempio le virtù e gli astri che con il loro moto influenzano la vita sulla Terra.

Alla Gran Loggia 2007 “Pedagogia delle libertà”, oltre alla mostra “Tarocchi, Storia, Arte e Magia”, sono previste numerose iniziative culturali aperte al pubblico: dibattiti e tavole rotonde alle quali parteciperanno studiosi, storici, filosofi e sociologi, che esamineranno, tra l’altro, il ruolo della Massoneria rispetto ai grandi temi della società di oggi.

E previsto anche – in occasione del Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi – un omaggio all’eroe nazionale che fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia attraverso le mostre “I Mille di Garibaldi nell’album di Alessandro Pavia” e “Cimeli Garibaldini”.

(9Colonne) 2 APR 07

Roma 2 aprile 2007 – (9Colonne.it) Omaggio massonico ai tarocchi.

Roma 2 aprile 2007 – (9Colonne.it) Omaggio massonico ai tarocchi.

“Tarocchi: Storia, Arte e Magia” è il titolo della mostra – curata dall’Associazione Culturale “Le Tarot”, organismo di studio e ricerca storica composto da personalità del mondo accademico e culturale italiano presieduto da Andrea Vitali, iconologo medievista – che sarà presentata a Rimini dal 13 al 15 aprile, (Palazzo dei Congressi) in occasione della Gran Loggia 2007 del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore istituzione massonica italiana.

All’inizio del quattrocento il mazzo dei Tarocchi fu inventato non solo per giocare a carte, ma anche per insegnare ai giocatori i mezzi e gli strumenti per con cui scoprire la volontà divina. Secondo la concezione cosmologica del tempo, legata all’aristotelismo, l’uomo poteva percepire il pensiero divino solo attraverso degli intermediari – che appaiono nei Tarocchi – ad esempio le virtù e gli astri che con il loro moto influenzano la vita sulla Terra.

(9Colonne.it) 2 APR 07

Rimini 2 aprile 2007 – (AGI) Massoneria: Grande Oriente a Rimini arte e misteri dei tarocchi.

Rimini 2 aprile 2007 – (AGI) Massoneria: Grande Oriente a Rimini arte e misteri dei tarocchi.

Tutto quello che avreste voluto sapere sui tarocchi: la risposta verra’ dalla mostra “Tarocchi: Storia , Arte e Magia” e’ il titolo della mostra – curata dall’Associazione Culturale “Le Tarot” – che si terra’ a Rimini dal 13 al 15 aprile (Palazzo dei Congressi) in occasione della Gran Loggia 2007 del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore istituzione massonica italiana.

All’inizio del quattrocento il mazzo dei tarocchi fu inventato non solo per giocare a carte, ma anche per insegnare ai giocatori i mezzi e gli strumenti per con cui scoprire la volonta’ divina. Secondo la concezione cosmologica del tempo, legata all’aristotelismo, l’uomo poteva percepire il pensiero divino solo attraverso degli intermediari – che appaiono nei Tarocchi – ad esempio le virtu’ e gli astri che con il loro moto influenzano la vita sulla terra. L’esposizione “Tarocchi: Storia , Arte e Magia” sara’ articolata in 6 sezioni: la prima, “L’ Armonia Celeste” – attraverso volumi illustrati e stampe di celebri incisori del Rinascimento, rarissime carte antiche dipinte a mano e carte orientali in avorio – illustra il pensiero tardo medievale riguardante la visione mistica del mondo, dell’universo e la nascita dei Trionfi (Tarocchi) come gioco a sfondo etico e moraleggiante collegato all’Arte della Memoria. Si passa poi a “L’Iconografia Allegorica”, con stampe antiche e libri a stampa figurati che evidenziano il rapporto iconografico fra le immagini presenti nelle carte dei tarocchi con l’arte religiosa e profana medievale e rinascimentale. “Il Divino Ermete”, quarta sezione della mostra, utilizza stampe antiche, opere librarie e manoscritti illustrati, per evidenziare i rapporti iconografici fra i tarocchi rinascimentali e il pensiero ermetico-neoplatonico che permeo’ di se’ le immagini dei Tarocchi ad iniziare dalla fine del sec. XV.

La sezione “I tarocchi e il gioco” rappresenta una sorta di documentazione del gioco dei tarocchi attraverso carte antiche dipinte a mano di varie regioni italiane e nazioni europee, libri antichi illustrati e manoscritti sul gioco e le sue regole, incisioni raffiguranti giocatori di carte, manifesti camerali e regi editti, scatole da gioco portacarte e portafiches di grande rarita’ e bellezza. Si prosegue con la quinta sezione “Il Libro di Thot”, ovvero l’interpretazione Esoterica dei Tarocchi, ovvero la nascita dei tarocchi come strumento iniziatico, avvenuta alla fine del Settecento nella Francia Massonica ed Illuministica, per finire con “Tarocchi e Cartomanzia”, ovvero con la cartomanzia, che nacque in Francia nel XVIII secolo, verra’ documentata attraverso le primissime testimonianze raccolte in libri illustrarti, incisioni e carte dipinte a mano. Alla Gran Loggia 2007 “Pedagogia delle liberta’”, oltre alla mostra “Tarocchi, Storia, Arte e Magia, sono previste numerose iniziative culturali aperte al pubblico:dibattiti e tavole rotonde alle quali parteciperanno studiosi, storici, filosofi e sociologi, che esamineranno, tra l’altro, il ruolo della massoneria rispetto ai grandi temi della societa’ di oggi. E previsto anche – occasione del Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, un omaggio all’eroe nazionale che fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia attraverso le mostre “I Mille di Garibaldi nell’album di Alessandro Pavia” e “Cimeli Garibaldini”.

(AGI) 2 APR 2007

Rimini 30 marzo 2007 – (Adn kronos) Rimini: Grande Oriente d’Italia dedica mostra alla storia dei tarocchi.

Rimini 30 marzo 2007 – (Adn kronos) Rimini: Grande Oriente d’Italia dedica mostra alla storia dei tarocchi.

”Tarocchi: Storia, Arte e Magia” e’ il titolo della mostra curata dall’Associazione ”Le Tarot”, organismo di studio e ricerca storica composto da autorevoli personalita’ del mondo accademico e culturale italiano presieduto da Andrea Vitali, iconologo medievista, che sara’ presentata a Rimini dal 13 al 15 aprile, (Palazzo dei Congressi) in occasione della Gran Loggia 2007 del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore istituzione massonica italiana.

(Adn kronos) 30 MAR 2007

Roma 19 marzo 2007 – (Adn kronos) Massoneria: ‘Pedagogia delle libertà’. Tema della Gran Loggia GOI a Rimini. Dal 13 al 15 aprile al Palacongressi di via della Fiera 52.

Roma 19 marzo 2007 – (Adn kronos) Massoneria: ‘Pedagogia delle libertà’. Tema della Gran Loggia GOI a Rimini. Dal 13 al 15 aprile al Palacongressi di via della Fiera 52.

La Gran Loggia del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, la maggiore istituzione liberomuratoria italiana, quest’anno presenta ‘Pedagogia delle Liberta” dal 13 al 15 aprile a Rimini presso il Palacongressi di Via della Fiera, 52. “Un tema, questo, di grandissimo rilievo e attualita’ poiche’ intende approfondire la funzione e il ruolo della pedagogia per l’elaborazione di un nuovo, possibile paradigma educativo che combatta la caduta delle evidenze etiche e la disaffezione alla socialita’”. Lo ha dichiarato in una nota Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia.

“Educare alla liberta’ – ha continuato la nota – uno dei compiti che si prefigge la Libera Muratoria in quanto laboratorio di idee e di proposte culturali riguardanti i grandi temi sui quali la societa’ si interroga, significa essere costruttori di dialogo e di comprensione nel nostro mondo trafitto dalla violenza e dalle ingiustizie, ma, soprattutto, significa formare la persona come soggetto autonomo, cosciente e libero, protagonista della propria esistenza”.

La Gran Loggia 2007 si aprira’, in occasione del Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, con un omaggio all’eroe nazionale che fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia: l’inaugurazione delle mostre ‘I Mille di Garibaldi nell’album di Alessandro Pavia’ e ‘Cimeli Garibaldini’. Altro momento significato, sempre in apertura dei lavori, l’inaugurazione della mostra ‘I Tarocchi, storia, Arte, Magia’. Sono, poi, previste una serie di manifestazioni culturali, aperte al pubblico, alle quali parteciperanno studiosi, storici, filosofi e sociologi, che esamineranno, tra l’altro, il ruolo della Massoneria rispetto ai grandi temi della societa’ di oggi.

Oltre ad una serie di Tavole rotonde ed esposizioni, la Gran Loggia prevede alle 17,30 di venerdi’ 13 aprile, secondo la tradizione inaugurata dall’attuale Gran Maestranza, l’apertura del Tempio al pubblico e alla autorita’ dinnanzi a cui il Gran Maestro Raffi svolgera’ la sua ‘Allocuzione’. “Il Grande Oriente d’Italia – ha concluso la nota – sta vivendo una nuova fase della sua storia, contrassegnata dal rinnovato orgoglio di contribuire a contrassegnare e a partecipare alla costruzione della storia del nostro Paese”.

(Adn kronos) 19 MAR 2007

Firenze 24 febbraio 2007 – (APCom) Governo/Massoneria: inaccettabile piattaforma politica da Chiesa. Grand’Oriente di Italia: Lo Stato deve essere laico.

Firenze 24 febbraio 2007 – (APCom) Governo/Massoneria: inaccettabile piattaforma politica da Chiesa. Grand’Oriente di Italia: Lo Stato deve essere laico.

E’ inaccettabile che la Chiesa proponga una propria piattaforma politica”: questa l’opinione di Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, che ha parlato a margine di un convegno sui rapporti fra massoneria e Chiesa. “Io non contesto agli alti esponenti della Chiesa – ha spiegato Raffi, rispondendo ad una domanda sull’influenza vaticana nella crisi di Governo – di esprimere la loro visione sui vari problemi, coerentemente con i loro principi: quello che contesto è quando queste valutazioni vengono tradotte in un progetto politico, perché una piattaforma politica è inaccettabile”..

Secondo il Gran Maestro “noi viviamo in un Paese dove c’è una contrapposizione tra due blocchi che arrivano sul filo di lana: allora il problema non è tanto della Chiesa, ma di una classe politica che è disposta a dare molto di più di quello che le viene chiesto, a spese dei cittadini. Vi sono dei diritti che afferiscono le persone, che uno Stato deve tutelare. Lo Stato deve essere laico”.

Raffi non ha voluto commentare la decisione di escludere i Dico dai 12 punti programmatici su cui si muoverà il Governo Prodi: ai giornalisti che gli chiedevano se ravvisava un’influenza della Chiesa in questo senso, ha risposto che “noi non ci occupiamo di politica, e auspichiamo che anche la Chiesa non si occupi di politica, perché le regole sono le regole, e la distinzione è tra laici credenti e non, e intolleranti credenti e non”.

(Apcom) 24 FEB 07