Livorno 1 – 10 Agosto 2008 – Effetto Venezia 2008.

Livorno 1 – 10 Agosto 2008 – Effetto Venezia 2008.

Per la tradizionale rassegna “Effetto Venezia” il Consiglio dei maestri venerabili di Livorno ha in programma nuove iniziative nella casa massonica cittadina che ha sede presso la Fratellanza Artigiana “Francesco Domenico Guerrazzi” di Piazza dei Domenicani.

Quest’anno il Comune ha fissato gli appuntamenti dal 1° al 10 agosto, con la solita kermesse di arte, cultura, spettacolo e divertimento nel quartiere “La Venezia”. Il Grande Oriente d’Italia è in cartellone il 4 agosto (ore 21.15) con una serata dedicata al Gran Maestro Alessandro Tedeschi attraverso l’analisi del volume di Santi Fedele “Alessandro Tedeschi Gran Maestro dell’esilio”.

Ne discutono Antonio Cafforio e Francesco Parasole. Il Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi chiude l’incontro. Giovedì 7 agosto, sempre alle 21.15, la Massoneria livornese promuove il progetto “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana” con la conferenza “Napoleone e la Massoneria: tracce massoniche nella biblioteca dell’Imperatore all’Elba”. Intervengono la ricercatrice Monica Guarraccino e la direttrice del Museo Residenze Napoleoniche dell’isola d’Elba, Roberta Martinelli. Per tutta la durata di “Effetto Venezia” è prevista la mostra del pittore livornese Enzo Neri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 18 luglio 2008 – Simbolismo massonico. Incontro a Villa ‘Il Vascello’ con Irène Mainguy.

Roma 18 luglio 2008 – Simbolismo massonico. Incontro a Villa ‘Il Vascello’ con Irène Mainguy.

Il 18 luglio una grande studiosa di ‘cose’ massoniche torna a visitare il Grande Oriente d’Italia. Per la terza volta, dopo il seminario di studi esoterici di Montecatini dello scorso febbraio, Irène Mainguy, bibliotecaria-documentalista, responsabile della Biblioteca del Grande Oriente di Francia, segretaria dell’Institut d’Études et de Recherches Maçonniques (Iderm) e vicepresidente della Société Française d’Études et de Recherches sur l’Écossisme (Sfere), è stata invitata dal Servizio Biblioteca per approfondire il tema del simbolismo massonico da lei ampiamente trattato in più opere.

In Italia sono state pubblicate, con le Edizioni Mediterranee, Simbolica massonica del Terzo Millennio, Simbolica dei Gradi di perfezione e degli Ordini di Saggezza e Simbolica dei Capitoli nella Massoneria e sono in corso di traduzione, per lo stesso editore, Le iniziazioni e l’iniziazione massonica e Simbolica degli utensili e glorificazione del mestiere. Quest’ultimo libro, uscito in Francia per i tipi Jean-Cyrille Godefroy, sarà presentato in anteprima nell’incontro del 18 luglio al quale parteciperà il Gran Maestro Gustavo Raffi. L’appuntamento è a Villa ‘Il Vascello’ alle ore 19.

Info: bibliogoi@grandeoriente.it

Leggi l’invito [ Scarica file File Formato PDF Size 190.0 Kb ]

 

Leggi la comunicazione di Irene Mainguy
“Simbolismo e iniziazione massonica”
presentata al Convegno esoterico
di Montecatini 23 – 24 Febbraio 2008
[ Scarica file File Formato PDF Size 25.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pisa 17 luglio 2008 – AA.VV. Lo stato laico in una società multiconfessionale.

Pisa 17 luglio 2008 – AA.VV. Lo stato laico in una società multiconfessionale.

Laicità dello Stato oggi è il tema del nuovo volume edito da Protagon, nella collana Quaderni Toscani, con il titolo “Lo Stato laico in una società multiconfessionale”.

Si tratta degli atti del convegno del Collegio circoscrizionale toscano del Grande Oriente d’Italia, giunto alla quindicesima edizione, realizzato il 26 gennaio nell’aula magna dell’Università di Pisa.

Racchiusi nel libro i saluti e gli interventi dei prestigiosi relatori: per l’Università di Pisa, il Rettore Marco Pasquali, i filosofi Raimondo Cubeddu e Gian Mario Cazzaniga, e lo storico del diritto Mario Montorzi; presenti pure lo storico e politologo Gaetano Quagliariello della Luiss-Guido Carli di Roma e l’ex vicepresidente del Parlamento Europeo Roberto Barzanti.

Per il Grande Oriente sono intervenuti il presidente delle logge pisane Marco Redini, il presidente del Collegio della Toscana Stefano Bisi e il Gran Maestro Gustavo Raffi, responsabile delle conclusioni del convegno. Nel volume sono state inserite foto d’archivio del Grande Oriente d’Italia.

Marina di Pietrasanta 16 luglio 2008 – Alla Versiliana. Incontro con la Massoneria.

Marina di Pietrasanta 16 luglio 2008 – Alla Versiliana. Incontro con la Massoneria.

Il Gran Maestro Gustavo Raffi sarà tra i protagonisti degli incontri della 29° Festival della Versiliana, che quest’anno conta ben 72 giorni di programmazione dal 20 giugno al 31 agosto. “La Massoneria: un’etica per il terzo millennio” è il titolo dell’evento organizzato per il 16 luglio (ore 18) dalla loggia “Dante Alighieri” (932) di Viareggio al Caffè della Versiliana (via Morin 16) con la possibile partecipazione del senatore Giulio Andreotti.
Presenterà il giornalista e scrittore Romano Battaglia, nativo proprio di Marina di Pietrasanta.
Oltre al Gran Maestro, hanno confermato la presenza Michele Ciliberto, Ordinario di storia della filosofia presso la scuola superiore Sant’Anna dell’Università di Pisa, e il giornalista Stefano Bisi, presidente circoscrizionale della Toscana.

Per saperne di più: La Versiliana Festival

Al termine è prevista una cena.
Info è prenotazioni: Andrea Saltarelli (335 6276133), maestro venerabile della “Dante Alighieri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 14 luglio 2008 – Lettera Aperta – Il Gran Maestro alla Comunione.

Roma 14 luglio 2008 – Lettera Aperta – Il Gran Maestro alla Comunione.

Carissimi Fratelli,
Nei momenti più oscuri di questa nostra Repubblica, quando lo scontro politico, aperto e democratico, lascia il posto ai “regolamenti di conti” e alle faide più o meno “sanguinose”, riemergono – non inaspettate ma sempre dolorose – quelle ombre che la società, da sempre, proietta sulla Libera Muratoria. Sono le ombre di un passato che sembrava definitivamente archiviato ma che, invece, ripropone all’attenzione mass-mediatica i soliti, vecchi, logori, noiosi luoghi comuni nei confronti della Massoneria.
Così si ipotizzano presunte Logge segrete, collusioni con la criminalità organizzata a ogni livello, loschi interessi nella gestione della cosa pubblica, subdole ingerenze nell’attività giudiziaria: e chi “più ne ha ne metta”. Ora, è sempre pericoloso e puerile “addormentarsi sugli allori” e ritenere come acquisito – una volta per tutte – quel prestigio che la Libera Muratoria italiana del Grande Oriente d’Italia si è guadagnata, negli ultimi dieci anni, con una politica di coraggio, rigore e trasparenza.
Malgrado l’attenzione che la politica, la cultura, le Università, le Istituzioni e la società civile ci hanno riservato, esistono sempre sacche di diffidenza, di dubbio, di preconcetto, di malafede e di velleitaria, arrogante e ideologica ostilità. Non possiamo e non dobbiamo sottovalutarle anche se abbiamo l’incrollabile certezza che l’opinione pubblica ha mutato atteggiamento nei nostri confronti. Ma non per questo dobbiamo abbassare la guardia, in quanto se per costruire una casa si impegna molto tempo, per distruggerla ce ne vuole molto meno. Per questo dobbiamo essere ancora più vigili e attenti che nel passato.
Infatti, noi abbiamo l’onore di aver costruito una casa di vetro – senza cantine, porte segrete, vie nascoste, veli e altre cialtronerie – che va difesa in ogni modo, opponendo alle facili generalizzazioni la più rigorosa correttezza e la più assoluta precisione.
Il modello dell’attacco – di ogni attacco – alla Libera Muratoria segue sempre uno stesso percorso obbligato. Prima si da la notizia di un fatto criminoso, poi si ipotizza un coinvolgimento di sedicenti massoni o di sedicenti logge spurie, infine si generalizza, “facendo di tutte le erbe un fascio”, estendendo la giusta riprovazione anche a chi nulla ha a che fare con questi malavitosi e con queste associazioni per delinquere. La superficialità dei mezzi di comunicazione di massa e il desiderio di “fare notizia” completa l’opera, attribuendo patenti di colpevolezza a chi non ne ha: come il Grande Oriente d’Italia.
Per comprendere la gravità della situazione è sufficiente ricordare i titoli dei telegiornali e dei quotidiani che hanno diffuso la notizia secondo cui “mafiosi e massoni” erano impegnati a ritardare l’iter dei processi penali avanti la Corte di Cassazione, per far saltare – attraverso la prescrizione – i processi, nei confronti di boss mafiosi. Solo in un secondo tempo – a fronte della ferma smentita che i personaggi indagati non appartenevano al Grande Oriente – veniva specificato, sia pure in tono minore e tra le righe, che costoro, compresi vari sedicenti Gran Maestri, appartenevano a obbedienze spurie.
Come si può immaginare, il rischio che l’opinione pubblica possa trarre da questo tipo di intervento un giudizio errato sulla Libera Muratoria e sul Grande Oriente è elevatissimo e a ben poco vale a contrastarlo il nostro patrimonio storico, i nostri ideali, la nostra correttezza, la nostra fedeltà alle leggi, allo Stato e alla Democrazia. Nella società mass-mediatica la notizia tende a prevalere su tutto: tende a “fare opinione”. Con le conseguenze che ciascuno può immaginare. Bisogna, pertanto, respingere con fermezza ogni indebito attacco e nel contempo fare chiarezza, individuando e denunciando le sedicenti Gran Logge che operano sul territorio

Radicofani 14 luglio 2008 – Giardini e boschi iniziatici.

Radicofani 14 luglio 2008 – Giardini e boschi iniziatici.

Anche quest’anno la loggia “XX Settembre” (604) di Montepulciano, in collaborazione con il Collegio toscano, organizza una tornata rituale in grado di apprendista nel Bosco Isabella di Radicofani, a poco più di 70 km da Siena.
L’appuntamento è per il 31 agosto, alle ore 9,30. Di seguito ci saranno un’agape bianca e, nel primo pomeriggio, il seminario “Giardini e boschi iniziatici”, a cura di esponenti della “XX Settembre”, che spiegherà la particolarità del ritrovo (e altri simili) creato tra la fine dell’Ottocento e primi del Novecento dal massone Odoardo Luchini, senatore del Regno, nativo di Radicofani.
Per la realizzazione del “tempio” l’ideatore utilizzò specie arboree e arbusti a carattere simbolico. Dedicò l’opera alla moglie Isabella Andreucci.

Info e prenotazioni (entro il 25 agosto):
0578 52141 – 0578 748168 – 333 7870484 – 335 5791089 – 3394232895

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alghero 5-6 luglio 2008 – Vincenzo Sulis Cittadino d’Europa.

Alghero 5-6 luglio 2008 – Vincenzo Sulis Cittadino d’Europa.

A Vincenzo Sulis, notaio, avventuriero e memorialista cagliaritano vissuto tra il 1758 e il 1834, è dedicata la giornata del 5 luglio ad Alghero. Si celebrerà il suo 250esimo anniversario di nascita con un convegno al Teatro Civico (ore 18) al quale interverranno il Gran Maestro Gustavo Raffi, il sottosegretario alla Difesa Giuseppe Cossiga (figlio del Presidente Emerito della Repubblica), il sindaco di Alghero Marco Tedde, il sindaco di Cagliari Emilio Floris e quello di La Maddalena, Angelo Comiti.

“Vincenzo Sulis – Cittadino d’Europa” è il titolo dell’incontro – patrocinato dal comune algherese e organizzato dall’Associazione “Vincenzo Sulis” della città, emanazione dell’omonima loggia massonica di Alghero – che farà conoscere al grande pubblico una figura storica poco celebrata nell’Isola. Non certo dagli algheresi che gli hanno dedicato la più imponente delle sei torri catalane sul mare (la Torre dello Sperone), dove fu imprigionato per ventidue anni per una falsa accusa di lesa maestà: un falsissimo processo scaturito in condanna a morte, poi commutata nel carcere a vita. Graziato nel 1821 da Carlo Felice, fu confinato a La Maddalena, dove finì i suoi anni e scrisse la sua Autobiografia, inedita fino al 1964. Fu un innato capopopolo: contro i Francesi nel 1793 e i Piemontesi nel 1794, anche se sposò la causa sabauda quando Carlo Emanuele IV, perduto il Piemonte, trovò rifugio in Sardegna. I suoi oppositori gli allontanarono, però, le simpatie del popolo e del re con insinuazioni e calunnie. Di qui l’epilogo.

Al convegno porteranno contributi sul personaggio, il filologo Giuseppe Marci dell’Università di Cagliari e il preside del Liceo “Brotzu” di Quartu Sant’Elena , Luciano Carta. Il Gran Maestro Gustavo Raffi chiuderà i lavori, moderati dall’avvocato Alberto Sechi, presidente dell’Associazione “Vincenzo Sulis”, nonché maestro venerabile dell’omonima officina.

In occasione della visita del Gran Maestro Raffi ad Alghero, la loggia “Vincenzo Sulis” ha organizzato per il giorno successivo, 6 luglio, una tornata congiunta di tutte le logge della Sardegna. L’appuntamento è nella sala conferenze dell’Hotel Catalunya (Via Catalogna, 20) alle ore 10. E’ gradita la presenza dei labari delle logge partecipanti.

Gli organizzatori hanno stipulato una convenzione con l’Hotel Catalunya per la cena della sera del 5 luglio (costo 45 euro) e per un’eventuale pernottamento nell’albergo (camera doppia 150 euro; doppia uso singola 117 euro).
Prenotazioni: Società Equòrea di Alghero (tel. 0799 76542, fax 1782760323, e-mail info@equoera.it) responsabile anche del programma di intrattenimento per gli accompagnatori.

Altre informazioni: venerabile@loggiavincenzosulis.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alghero 4 luglio 2008 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (Goi) “siamo a favore della scuola pubblica e del confronto tra culture, religioni e razze diverse”.

Alghero 4 luglio 2008 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (Goi) “siamo a favore della scuola pubblica e del confronto tra culture, religioni e razze diverse”.

Sabato 5 luglio, le celebrazioni in onore di Vincenzo Sulis; domenica 6 luglio riunione delle logge sarde.

“Compito della Massoneria è quello di far coesistere e di portare al confronto posizioni e convinzioni diverse, mettendole le une di fronte alle altre, per promuovere una proficua discussione. Non è un caso che per noi massoni, la laicità, uno dei nostri irrinunciabili valori, sia l’espressione della filosofia del dialogo: una condizione che però ha dei postulati, come il rispetto dell’altro, l’assenza di volontà egemoniche e la ricerca convinta di un terreno condiviso per operare in favore della collettività”.

Lo ha detto l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, anticipando alcuni dei temi che saranno al centro del suo intervento nel corso delle celebrazioni per il del 250esimo anniversario della nascita di Vincenzo Sulis.

“Non ci stancheremo mai di ribadire – ha aggiunto – che è necessario uno sforzo comune, di comprensione e di rispetto verso l’altro. Per questo motivo la Libera Muratoria italiana ha tra i suoi obiettivi la difesa e la promozione della scuola pubblica nel cui seno culture, religioni e razze diverse possono coesistere arricchendosi le une grazie alle altre. Una scuola cattolica, così come una scuola ebrea o musulmana finirebbero per minare le fondamenta del tessuto sociale, frustrando la funzione primaria dell’organizzazione scolastica che è quella di riunire in un unico patto di fratellanza persone nate e vissute in ambiti familiari provenienti da terre e da tradizioni differenti”.

Le celebrazioni prevedono il Convegno di studi “Vincenzo Sulis – Cittadino d’Europa” in programma domani, sabato 5 luglio, alle ore 18 al Teatro Civico di Alghero e la presentazione di un busto dedicato al patriota sardo.

Al Convegno, che si avvale del patrocinio del Comune di Alghero, parteciperanno il sottosegretario alla Difesa Giuseppe Cossiga, i sindaci di Alghero, Marco Tedde, di Cagliari, Emilio Floris, e de la Maddalena, Angelo Comiti.
Porteranno i loro contributi, moderati dall’avvocato Alberto Sechi, presidente dell’Associazione “Vincenzo Sulis”, nonché Maestro venerabile dell’omonima officina, il filologo Giuseppe Marci dell’Università di Cagliari e il preside del Liceo “Brotzu” di Quartu Sant’Elena, Luciano Carta.

Il Gran Maestro Gustavo Raffi chiuderà i lavori. Per il giorno successivo, domenica 6 luglio, la loggia “Vincenzo Sulis” ha organizzato ad Alghero una tornata congiunta di tutte le logge della Sardegna.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Alghero 3 luglio 2008 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (Goi) ad Alghero per celebrazioni in onore di Vincenzo Sulis.

Alghero 3 luglio 2008 – Massoneria: Gran Maestro Raffi (Goi) ad Alghero per celebrazioni in onore di Vincenzo Sulis.

Sabato 5 luglio presentato il busto realizzato in onore del patriota sardo e convegno di studi; domenica 6 luglio riunione delle Logge dell’Isola

La massoneria di Alghero dedica a Vincenzo Sulis, in occasione del 250esimo anniversario della sua nascita, l’intera giornata di sabato 5 luglio. Per ricordare la figura di un grande cagliaritano vissuto tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800, che con le sue epiche gesta e con una vita vissuta fuori dagli schemi, ha segnato un’epoca importante nella storia sarda, è stata, infatti, organizzata una importante iniziativa: il Convegno di studi “Vincenzo Sulis – Cittadino d’Europa” in programma alle ore 18 al Teatro Civico di Alghero, nel corso del quale sarà presentato un busto a lui dedicato.

Patrocinato dall’Amministrazione Comunale della città, e organizzato dall’Associazione “Vincenzo Sulis”, emanazione dell’omonima loggia massonica di Alghero, il Convegno intende far conoscere ed approfondire la figura di Sulis.

Vi parteciperanno il sottosegretario alla Difesa, Giuseppe Cossiga, i sindaci di Alghero, Marco Tedde, di Cagliari, Emilio Floris, e de la Maddalena, Angelo Comiti.

Porteranno i loro contributi, moderati dall’avvocato Alberto Sechi, presidente dell’Associazione “Vincenzo Sulis”, nonché maestro venerabile dell’omonima officina, il filologo Giuseppe Marci dell’Università di Cagliari e il preside del Liceo “Brotzu” di Quartu Sant’Elena, Luciano Carta. Il Gran Maestro Gustavo Raffi chiuderà i lavori.

Per il giorno successivo, domenica 6 luglio, la loggia “Vincenzo Sulis” ha organizzato ad Alghero una tornata congiunta di tutte le logge della Sardegna.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

San Galgano 20-21 giugno 2008 – Solstizio d’Estate in Abbazia. Iniziativa dell’Oriente di Siena in collaborazione con il Collegio toscano.

San Galgano 20-21 giugno 2008 – Solstizio d’Estate in Abbazia. Iniziativa dell’Oriente di Siena in collaborazione con il Collegio toscano.

Per la ricorrenza del Solstizio d’Estate, le logge dell’Oriente di Siena, in collaborazione con il Collegio toscano, organizzano per il 20 giugno, alle 18, una tornata rituale in grado di apprendista nell’Abbazia di San Galgano. Familiari e amici potranno accedervi al termine dei lavori.

La serata prosegue con un’agape bianca, alle 20.30, in un ristorante vicino. Costo: 30 euro a persona (info e prenotazioni entro il 31 maggio: Gianni 392 8458626 – vagheggini.gianni@libero.it, oppure 348 4684388 e 20giugno@gmail.com).

Per chi fosse interessato, è stato previsto un collegamento in pullman da Firenze (partenza davanti al Saschall – ex Teatro Tenda – alle 15.30 e ritorno nello stesso luogo alle 2 di notte). Costo 43 euro, cena inclusa (info: Francesco 347 1279223 o f.borgognoni@alice.it – prenotazioni al Maestro di Casa della casa massonica di Firenze entro il 24 maggio).

Sabato 21 Giugno, alle ore 21, l’Abbazia di San Galgano ospiterà una rappresentazione dell’opera mozartiana Il Flauto Magico (acquisto biglietti: Multipromo 055 5978309).

Si consiglia di soggiornare nella zona, in agriturismo oppure hotel nei comuni di Chiusdino, Monticiano e Sovicille.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 18 giugno 2008 – Massoneria: Hiram; Gran Maestro Raffi preannuncia costituzione parte civile del Grande Oriente nel processo penale a tutela onorabilità dei veri Liberi Muratori.

Roma 18 giugno 2008 – Massoneria: Hiram; Gran Maestro Raffi preannuncia costituzione parte civile del Grande Oriente nel processo penale a tutela onorabilità dei veri Liberi Muratori.

“Riguardo alla operazione giudiziaria della Dda di Palermo che ha condotto all’arresto di alcuni indagati per gravi delitti e, nello specifico, per aver tentato di rallentare provvedimenti penali a carico di mafiosi, il Grande Oriente d’Italia prende atto della riportata affiliazione delle persone coinvolte ad organizzazioni sedicenti massoniche che in nessun modo sono riconducibili alla Libera Muratoria Regolare di Palazzo Giustiniani”.

Lo ha dichiarato l’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

“Non posso tuttavia che stigmatizzare – aggiunge – il malvezzo delle cronache di riferirsi alla massoneria in termini generici, così da indurre la pubblica opinione alla falsa credenza che esistano un vincolo ed un sistema unitario delle realtà massoniche o sedicenti tali. La superficialità con cui si cede alla tentazione di fare di ogni erba un fascio impedisce le necessarie distinzioni tra le identità e finisce per esporre alla gogna ed alla riprovazione, grazie alla cultura del sospetto, tutti coloro che, pur essendo onesti, rispettosi della legge e portatori di valori universali, vengono così ad essere accomunati da una sorta di marchio di fabbrica”.

“Respingo con sdegno e senza appello tali accostamenti e preannuncio che il Grande Oriente d’Italia, a tutela della onorabilità dei Liberi Muratori, si costituirà parte civile nel processo penale in questione”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Firenze 7 giugno 2008 – Concorso Scrivo, dunque sono… da un’idea del compianto Guido D’Andrea. Premiazione al Caffè Letterario Giubbe Rosse.

Firenze 7 giugno 2008 – Concorso Scrivo, dunque sono… da un’idea del compianto Guido D’Andrea. Premiazione al Caffè Letterario Giubbe Rosse.

Si svolgerà il 7 giugno, alle ore 18, presso il Caffè Letterario delle Giubbe Rosse la premiazione del concorso libero di scrittura Scrivo, dunque sono… patrocinato dal Grande Oriente d’Italia, sotto l’egida del Gran Maestro Gustavo Raffi. Sono tre i vincitori designati dalla giuria presieduta da Alessandro Meluzzi e composta da Mariella Bettarini, Stefano Bisi, Sole Buzzi, Carlo Ciapetti, Mauro Lastraioli, Gabriella Maleti, Massimo Mori, Ginpaolo Pacenti e Vittorio Vanni.

Primo classificato è Gianfranco Venturato con il racconto Le Belle Donne, secondo Marcello Curti con il racconto Il violinista e terzo Emilio Quattrini con il racconto la Prove dell’esistenza dell’anima.

Guido D'Andrea
Guido D’Andrea

Il concorso Scrivo, dunque sono… è stato istituito in ricordo del fratello Guido D’Andrea (nella foto), ideatore e primo conduttore delle rassegne culturali Lettere e Simboli e di Incontri del Grande Oriente che, dal 1995, presentano al grande pubblico il variegato mondo della Libera Muratoria e i suoi influssi in numerose arti e discipline.

Caffè Storico Letterario Giubbe Rosse

Piazza della Repubblica 13/14r – 50123 – Firenze
Tel: +39 055 212280 – Fax: +39 055 290052
E-mail : info@giubberosse.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torino 7 giugno 2008 – Dal laicismo alla laicità. Importante convegno del Collegio piemontese alla presenza del Gran Maestro Raffi. Prevista in giornata anche una tornata a logge riunite.

Torino 7 giugno 2008 – Dal laicismo alla laicità. Importante convegno del Collegio piemontese alla presenza del Gran Maestro Raffi. Prevista in giornata anche una tornata a logge riunite.

Valerio Zanone, Gian Mario Cazzaniga, Fulvio Conti, Brunetto Chiarelli, Ermis Segatti e Claudio Pasquet sono i protagonisti del convegno organizzato per il 7 giugno dal Collegio circoscrizionale del Piemonte con il patrocinio della Regione.

“Dal laicismo alla laicità. Per una stagione del dialogo e del confronto” è il tema in discussione, dalle ore 9, nella Sala Azzurra del Lingotto (via Nizza 294). Sarà presente il Gran Maestro Gustavo Raffi che chiuderà i lavori, moderati dal giornalista della Rai, Nino Battaglia.

Nel pomeriggio, nella Sala Gialla, sempre del Lingotto, si svolgerà una tornata a logge riunite del Piemonte e Valle d’Aosta. I lavori rituali avranno inizio alle ore 15. In programma la tavola del fratello Lino Sacchi dal titolo “Breve storia della tolleranza”. L’allocuzione del Gran Maestro chiuderà la tornata.

Info: Segreteria del Collegio, tel. 011 8177867 (dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 20)

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 455.5 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torino 6 giugno 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; le iniziative in Piemonte il 6 e il 7 giugno.

Torino 6 giugno 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; le iniziative in Piemonte il 6 e il 7 giugno.

Il Piemonte si conferma, per la sua storia e per la sua tradizione, come una delle realtà più importanti ed antiche per la Massoneria del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

Ricco e variegato il calendario delle iniziative – tutte con la partecipazione del Gran Maestro Gustavo Raffi – che il Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili del Piemonte e della Valle D’Aosta ha organizzato per il prossimo fine settimana.

Uno dei momenti più significativi quello odierno: le logge “Acaja”, “Mario Savorgnan d’Osoppo”, entrambe di Pinerolo, ed “Excelsior” di Torre Pellice, celebrano, infatti, i primi 250 anni di Massoneria nel pinerolese con un incontro pubblico nella guestfarm “Le 5 frecce” di Campiglione Fenile. La Libera Muratoria subalpina vanta, infatti, antichi natali e la sua vita massonica è documentata a Pinerolo sin dal 1758 con la “Loge de Saint Jean de la Sincère Union, Reégiment de Piémont” dell’Oriente del Piemonte Cavalleria.

Altrettanto significativo, ma soprattutto di forte attualità è il convegno di studi “Dal laicismo alla laicità. Per una stagione del dialogo e del confronto” in programma domani 7 giugno a Torino” (Sala Azzurra Lingotto, Via Nizza 294).

Sul tema della laicità il Gran Maestro Gustavo Raffi sottolinea che “il Grande Oriente d’Italia non contesta il diritto della Chiesa Cattolica di proporre la propria teologia, ma esprime forti e circostanziate critiche di fronte ai tentativi di subordinare la legislazione dello Stato laico al punto di vista di una sola teologia, che lo trasformerebbe in uno Stato etico e teocratico”.

“La Massoneria – afferma – non è una Chiesa, ma una Comunione di uomini liberi appartenenti a culti e fedi diversi. Il suo compito non è quindi quello di sostituirsi alle religioni o combatterle, ma di offrire uno strumento ulteriore, per chi se ne voglia liberamente servire, di educazione e riflessione comunitaria, di dubbio critico e di ricerca; per chi possiede una fede è uno strumento in più”.

Protagonisti del Convegno di studi “Dal laicismo alla laicità. Per una stagione del dialogo e del confronto” – che sarà aperto, alle ore 9, dal presidente del Collegio, Marco Jacobbi – il filofoso Gian Mario Cazzaniga; lo storico Fulvio Conti; l’antropologo Brunetto Chiarelli; i teologi Ermis Segatti e Claudio Pasquet; Valerio Zanone. I lavori moderati dal giornalista Nino Battaglia saranno chiusi dal Gran Maestro Raffi.

Nel pomeriggio, sempre al Lingotto si svolgerà una riunione rituale, tornata in gergo massonico, di tutte le logge del Piemonte e della Valle d’Aosta.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Pinerolo 6 giugno 2008 – 250 anni di storia massonica.

Pinerolo 6 giugno 2008 – 250 anni di storia massonica.

La Libera Muratoria subalpina vanta antichi natali. La sua vita massonica è infatti documentata a Pinerolo dal 1758 con la “Loge de Saint Jean de la Sincère Union, Reégiment de Piémont” dell’Oriente del Piemonte Cavalleria.

Il 6 giugno le logge “Acaja” (691), “Mario Savorgnan d’Osoppo (587), entrambe di Pinerolo, ed “Excelsior” (21) di Torre Pellice, celebrano i primi 250 anni di Massoneria nel pinerolese alla presenza del Gran Maestro Gustavo Raffi con un incontro pubblico, alle ore 19, nella guestfarm “Le 5 frecce” di Campiglione Fenile. La storia massonica di questi luoghi sarà al centro della serata e il Gran Maestro Raffi, prima del suo discorso conclusivo, illustrerà la pubblicazione celebrativa realizzata per l’occasione. Seguiranno una cena di gala e un concerto di musica classica.

Info: Segreteria del Collegio circoscrizionale del Piemonte, tel. 011 8177867
(dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 20)

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 141.2 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 5 giugno 2008 – Serata alla Filarmonica. Il Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia e l’Accademia Filarmonica Romana presentano il 5 giugno il volume.

Roma 5 giugno 2008 – Serata alla Filarmonica. Il Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia e l’Accademia Filarmonica Romana presentano il 5 giugno il volume.

Partecipano il Gran Maestro Gustavo Raffi e il direttore artistico dell’Accademia Filarmonica Romana, Marcello Panni

Il Servizio Biblioteca del Grande Oriente d’Italia e l’Accademia Filarmonica Romana presentano il 5 giugno il volume

I Tarocchi. Meditazioni e musica
di Bruno Battisti D’Amario
Gangemi Editore, Roma, 2007

Giovedì 5 giugno 2008 – ore 19

Sala Casella – Giardini dell’Accademia Filarmonica Romana
Via Flaminia 118 – Roma

Seguiranno alle 20,30 un aperitivo e alle 21 “Una fantasia per Ennio” – Concerto per chitarra e flauto di Bruno Battisti D’Amario e Virginia Battisti D’Amario.

Interverranno alla serata Marcello Panni, direttore Artistico dell’Accademia Filarmonica Romana, e il Gran Maestro Gustavo Raffi.

Altre informazioni su Giugno alla Filarmonica: bibliogoi@grandeoriente.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Livorno 3 giugno 2008 – In onore del Gran Maestro Tedeschi. Massoneria labronica ancora alla ribalta con una giornata dedicata ad una figura prestigiosa dell’antifascismo e della Libera Muratoria.

Livorno 3 giugno 2008 – In onore del Gran Maestro Tedeschi. Massoneria labronica ancora alla ribalta con una giornata dedicata ad una figura prestigiosa dell’antifascismo e della Libera Muratoria.

Un anno fa con il libro “La Massoneria a Livorno. Dal Settecento alla Repubblica”, curato dallo storico Fulvio Conti, si era aperto un nuovo capitolo della storia della Libera Muratoria in Italia, facendo emergere figure emblematiche non solo per la Massoneria, ma anche per le vicende storiche del nostro Paese. Una di queste è senza dubbio Alessandro Tedeschi al quale lo storico messinese Santi Fedele ha voluto dedicare, nel 2008, un’opera a parte che ne esalta il profilo, come massone (resse le sorti del Grande Oriente d’Italia in esilio dal 1931 al 1940) ed esule antifascista. Edito dal Mulino, il libro “Alessandro Tedeschi, Gran Maestro dell’esilio” sarà presentato per la prima volta a Livorno il 3 giugno (ore 17) nella Sala Consiliare della Provincia alla presenza del Gran Maestro Gustavo Raffi, del sindaco di Livorno Alessandro Cosimi e del presidente provinciale Giorgio Kutufà. Interverranno l’autore e lo storico Maurizio Vernassa.

In mattinata, alle ore 12, nel parco della prestigiosa Villa Fabbricotti, sede dell’amministrazione comunale, sarà inaugurato il busto di Alessandro Tedeschi donato dal Grande Oriente d’Italia alla città. Saranno presenti il Gran Maestro Raffi e le autorità pubbliche cittadine.

L’iniziativa è del Consiglio dei maestri venerabili di Livorno che invita i fratelli ad aderire numerosi alla manifestazione a fronte della campagna antimassonica di un quotidiano della città in atto da settimane.

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 70.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Livorno 2 giugno 2008 – Massoneria: celebrazioni Alessandro Tedeschi; Gran Maestro Aggiunto Bianchi “è emblema della fedeltà dei Massoni italiani ai valori di Libertà, Uguaglianza e Fratellanza”.

Livorno 2 giugno 2008 – Massoneria: celebrazioni Alessandro Tedeschi; Gran Maestro Aggiunto Bianchi “è emblema della fedeltà dei Massoni italiani ai valori di Libertà, Uguaglianza e Fratellanza”.

“E’ doveroso ricordare la figura di Alessandro Tedeschi, sottraendola all’oblio nel quale è stata per troppo tempo relegata, poiché i valori ai quali ispirò la propria vita e la propria attività incarnano il segno della fedeltà dei Massoni italiani al trinomio di Libertà, Uguaglianza e Fratellanza che i regimi totalitari del Novecento hanno negato con violenza, e che oggi più che mai devono rappresentano l’orizzonte delle nostre azioni”.

Lo ha detto il Gran Maestro Aggiunto del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, Massimo Bianchi, alla vigilia delle celebrazioni in onore del livornese Alessandro Tedeschi organizzate dal Consiglio dei Maestri Venerabili di Livorno.

“Ferma e fortemente attuale era la sua convinzione – ha aggiunto Bianchi – che la Massoneria dovesse essere una presenza attiva nella società e che, allora, dovesse dare il suo contributo alla lotta antifascista per la difesa dei diritti di tutti gli uomini e di tutti i popoli, della stessa umana civiltà che l’ondata totalitaria rischiava di travolgere”.

“In questo contesto – ha detto ancora Bianchi – si inserisce il suo impegno come Massone in esilio, dopo lo scioglimento della Liberamuratoria, in linea con la tradizione cosmopolita e umanitaria della Massoneria universale”.

La figura di Alessandro Tedeschi sarà ricordata domani 3 giugno con l’inaugurazione, alle ore 12 a Villa Fabbricotti, di un busto a lui dedicato. Saranno presenti, oltre alle autorità cittadine, il Gran Maestro Gustavo Raffi e il Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi.

Nel pomeriggio alle ore 17, nella sala Consiliare della Provincia sarà presentato il volume “Alessandro Tedeschi Gran Maestro dell’esilio”, a cura dello storico Santi Fedele. Alla presentazione presieduta dal Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi interverranno, oltre all’Autore, il sindaco di Livorno, Alessandro Cosimi, il presidente della Provincia, Giorgio Kutufà e Maurizio Vernassa dell’università di Pisa. Le conclusioni saranno tratte dal Gran Maestro Raffi.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Piombino 2 giugno 2008 – Giornata di celebrazioni. Busto di Garibaldi in dono al Comune dalle logge della Valle del Cornia. I 60 anni della “Luce del Tirreno”. Annunciata la presenza del Gran Maestro Raffi.

Piombino 2 giugno 2008 – Giornata di celebrazioni. Busto di Garibaldi in dono al Comune dalle logge della Valle del Cornia. I 60 anni della “Luce del Tirreno”. Annunciata la presenza del Gran Maestro Raffi.

Il 2 giugno le logge della Valle del Cornia consegneranno al sindaco di Piombino Gianni Anselmi un busto di Giuseppe Garibaldi in dono alla cittadinanza. Alla cerimonia, prevista alle 12 nella sala consiliare del Comune, parteciperà il Gran Maestro Gustavo Raffi, accompagnato dal Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi e dal presidente circoscrizionale della Toscana Stefano Bisi. Terrà una conferenza lo storico Roberto Balzani, presidente dell’Associazione Mazziniana Italiana.

Un pranzo al ristorante “Centrale” chiuderà la mattinata.

Nel pomeriggio, la delegazione guidata dal Gran Maestro parteciperà alle celebrazioni della loggia “Luce del Tirreno” (397) di Piombino che festeggia quest’anno sessant’anni di vita. E’ prevista una tornata rituale nella casa massonica di via Garibaldi alle 17.

Info e prenotazioni:

– per il ristorante “Centrale, Ubaldo Vanni (338 7401874) e Ivano Vanni (347 6147403)

– per la tornata rituale, antonio.biancalana@tele2.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Portoferraio 1 giugno 2008 – Acacia 2008. Tradizionale appuntamento dei fratelli elbani. Ospite particolare il Gran Maestro Raffi.

Portoferraio 1 giugno 2008 – Acacia 2008. Tradizionale appuntamento dei fratelli elbani. Ospite particolare il Gran Maestro Raffi.

La loggia “Nuova Luce dell’Elba” (152) di Portoferraio organizza il 1° giugno, all’Isola d’Elba, l’incontro estivo “ACACIA 2008”, iniziativa annuale rivolta a favorire l’incontro tra i fratelli elbani e quelli di altre sedi, in compagnia dei loro familiari.

L’appuntamento è alle ore 10 presso l’Hotel Elba International di Naregno ed è prevista una conferenza sul tema “Bellezza e Amore: è Fratellanza ?” Chiuderà la manifestazione un’agape bianca. Il Gran Maestro Gustavo Raffi ha annunciato la sua presenza.

Info e prenotazioni (entro il 26 maggio): Piero Pighetti (335 6198708),
Roberto Pinotti Cascione (339 7969996), Marcello Bellini (338 9219902).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Livorno 30 maggio 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; una giornata dedicata al livornese Alessandro Tedeschi, Gran Maestro dell’esilio.

Livorno 30 maggio 2008 – Massoneria: Grande Oriente d’Italia; una giornata dedicata al livornese Alessandro Tedeschi, Gran Maestro dell’esilio.

Il Grande Oriente d’Italia e il Consiglio dei Maestri Venerabili di Livorno dedicheranno la giornata di martedì 3 giugno al concittadino Alessandro Tedeschi per ricordarne la sua figura umana e massonica. Non un carneade qualsiasi.

Nato a Livorno nel 1867, dove compie gli studi liceali, Tedeschi prosegue a Pisa gli studi di medicina. Diviene massone a venticinque anni iscrivendosi nella Loggia «Garibaldi e Avvenire» di Livorno. Dopo aver intrapreso la carriera universitaria a Siena si trasferisce, nel 1899, in Argentina, dove si afferma come uno dei principali artefici dello sviluppo della scienza medica e figura eminente della numerosa Colonia italiana di Buenos Aires, conseguendo onori e ricchezze. Nella capitale argentina prosegue il suo cammino massonico nella Loggia «Unione Italiana», assolvendo sin dai primi anni del Novecento la funzione di Presidente del Comitato di coordinamento tra le Logge di Palazzo Giustiniani presenti nella Repubblica Argentina.

Dal 1925, anno dello scioglimento della Massoneria in Italia imposto dalla dittatura fascista, svolge un ruolo determinante per mantenere in attività le logge in attesa della ricostituzione del Grande Oriente in esilio. Nel 1930 abbandona la nuova Patria per traferirsi in Francia ed assumere un ruolo militante di prima linea: nel 1931 viene nominato Gran Maestro, carica e responsabilità che mantiene sino al 1940, anno della sua morte, avvenuta il giorno prima di essere arrestato dalla Gestapo.

La giornata dedicata al Gran Maestro dell’esilio si aprirà martedì 3 giugno, alle ore 12, a Villa Fabbricotti, con l’inaugurazione del busto di Alessandro Tedeschi, alla presenza delle autorità cittadine, del Gran Maestro Gustavo Raffi e del Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi.

Nel pomeriggio alle ore 17, nella sala Consiliare della Provincia, sarà presentato il volume “Alessandro Tedeschi Gran Maestro dell’esilio”, a cura dello storico Santi Fedele. Alla presentazione, presieduta dal Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi, interverranno, oltre all’Autore, il sindaco di Livorno Alessandro Cosimi, il presidente della Provincia, Giorgio Kutufà e Maurizio Vernassa dell’università di Pisa. Le conclusioni saranno tratte dal Gran Maestro Raffi.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Caserta 30 maggio 2008 – Agape dell’Apprendista. Simpatica iniziativa il 30 maggio della loggia casertana “Aquilegia”.

Caserta 30 maggio 2008 – Agape dell’Apprendista. Simpatica iniziativa il 30 maggio della loggia casertana “Aquilegia”.

Simpatica iniziativa il 30 maggio della loggia casertana “Aquilegia” (1293) che ha organizzato un’agape fraterna – non rituale – riservata ai soli fratelli apprendisti. Sarà un’ottima occasione per favorire l’incontro tra i fratelli “più giovani”, anche di altre regioni. L’appuntamento è alle ore 19 nel piazzale del Caseificio Farina a Capodrise, a pochi chilometri da Caserta.

Parteciperà il presidente circoscrizionale di Campania-Lucania Geppino Troise.

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 120.0 Kb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roma 30 maggio 2008 – Festa del Collegio del Lazio. Serata sul Tevere con mini-crociera. Sarà presente il Gran Maestro Raffi.

Roma 30 maggio 2008 – Festa del Collegio del Lazio. Serata sul Tevere con mini-crociera. Sarà presente il Gran Maestro Raffi.

Festa del Collegio del Lazio il 30 maggio alla presenza del Gran Maestro Gustavo Raffi. Dal programma l’iniziativa si annuncia suggestiva: l’appuntamento è alle ore 19 presso il Ponte Umberto I, nel Lungotevere Tor di Nona (lato Piazza Navona), per una mini-crociera sul Tevere con la Motonave “Tiber II”. Si cenerà a bordo con servizio a tavola e sono previsti un intermezzo musicale e una guida ai millenari ponti del fiume e ai monumenti che ne fiancheggiano il corso. La quota di partecipazione è di 35 euro a persona.

Info e prenotazioni non oltre il 26 maggio: goilazio@gmail.comwww.goilazio.org

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 2.1 Mb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Bologna 28 maggio 2008 – Centenario della loggia “Ça Ira”. Celebrazioni in tornata rituale alla presenza del Gran Maestro Raffi.

Bologna 28 maggio 2008 – Centenario della loggia “Ça Ira”. Celebrazioni in tornata rituale alla presenza del Gran Maestro Raffi.

“Loggia Ça Ira: vecchia signora che fu… artigiana!” è il titolo delle celebrazioni della bolognese “Ça Ira” (1130) per il suo centenario previste il 28 maggio nella casa massonica della città (via Castiglione 6). I lavori rituali, condotti dal maestro venerabile Giovanni Greco, avranno inizio alle 20,30 alla presenza del Gran Maestro Gustavo Raffi. In programma: un excursus storico sull’officina del fratello Vincenzo Santoro, un’analisi massonica della poesia ÇA IRA da parte del fratello Marco Veglia, alla quale si unirà una interpretazione musicale. Brani massonici saranno eseguiti da fratelli musicisti presenti alla tornata.

Per l’occasione, la loggia “Ça Ira” realizzerà un’emissione filatelica a cura dell’Associazione Italiana di Filatelia Massonica del Grande Oriente d’Italia (Aifm-Goi).

Info: Collegio circoscrizionale dell’Emilia Romagna, goi.bo@tin.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Senigallia 17 maggio 2008 – Nuovo volume di storia massonica. Presentazione di un saggio sui fratelli senigalliesi. Partecipa il Gran Maestro Raffi, autore della prefazione del libro.

Senigallia 17 maggio 2008 – Nuovo volume di storia massonica. Presentazione di un saggio sui fratelli senigalliesi. Partecipa il Gran Maestro Raffi, autore della prefazione del libro.

Il Circolo di Cultura “Piero Calamandrei” ha in programma il 17 maggio un incontro-dibattito per la presentazione del libro di Gabriele Costantini “L’Oriente di Senigallia. Storia della Massoneria Senigalliese”. Il Gran Maestro Gustavo Raffi, autore della prefazione, parteciperà all’incontro che avrà inizio alle ore 10 presso l’Auditorium San Rocco di piazza Garibaldi.

Per saperne di più:

www.viveresenigallia.it

Leggi il programma [ Scarica file File Formato PDF Size 2.0 Mb ]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Varese 14 maggio 2008 – Gran Maestro Raffi a rassegna “Amor di Libro”. Parteciperà nell’ambito degli incontri su “Amor di Politica” curati dal filosofo Claudio Bonvecchio.

Varese 14 maggio 2008 – Gran Maestro Raffi a rassegna “Amor di Libro”. Parteciperà nell’ambito degli incontri su “Amor di Politica” curati dal filosofo Claudio Bonvecchio.

Anche quest’anno è in programma nel capoluogo varesino la rassegna libraria Amor di Libro, giunta alla decima edizione. Si svolgerà dal 9 al 25 maggio, coinvolgendo diverse location tra cui il rinnovato Teatrino Santuccio di via Sacco. Qui sono attesi nomi prestigiosi come Alda Merini, Dacia Maraini, Umberto Bossi, Stefano Zecchi e Luca Goldoni. Tra loro anche il Gran Maestro Gustavo Raffi che interverrà il 14 maggio, alle ore 21, nell’ambito degli incontri su Amor di Politica, sei appuntamenti curati dal filosofo Claudio Bonvecchio (com’è noto Consigliere dell’Ordine del Grande Oriente d’Italia) in collaborazione con Consel-divisione eventi e VareseNews.

«Viviamo in una stagione sociale dove troppo spesso si scredita il valore intrinseco della politica, facendo troppo spesso di tutta l’erba un fascio – ha spiegato il professor Bonvecchio – Quella che presentiamo nell’ambito di Amor di Libro è una iniziativa che vuole avvicinare i giovani alla politica senza retorica, portando loro stessi a fare le domande che contano».

Per saperne di più:

Amor di Libro: presentazione dell’iniziativa

Amor di Libro: tutti gli appuntamenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Varese 13 maggio 2008 – Massoneria: Varese, Gran Maestro Raffi domani 14 maggio (ore 21) protagonista di “Amor di politica” “La Libera Muratoria portatrice di un messaggio rivoluzionario”.

Varese 13 maggio 2008 – Massoneria: Varese, Gran Maestro Raffi domani 14 maggio (ore 21) protagonista di “Amor di politica” “La Libera Muratoria portatrice di un messaggio rivoluzionario”.

“Tirannia, intolleranza, dogmatismo sono le degenerazioni della cultura, anche e soprattutto della politica, contro le quali, da sempre, la Massoneria combatte. In un mondo dove le religioni, le ideologie, le filosofie sono in crisi c’è sempre più bisogno della Libera Muratoria e del messaggio autenticamente rivoluzionario dei suoi tre valori fondamentali “Libertà, Uguaglianza, Fratellanza” che hanno al centro l’uomo e soprattutto il suo rinnovamento, insieme a quello della umanità”.

E’ questo l’ideale della Massoneria – intesa come presenza attenta ed attiva nella società – che persegue il Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani guidato dal Gran Maestro Gustavo Raffi. E proprio il Gran Maestro parteciperà domani 14 maggio (ore 21 presso il Teatrino “Gianni Santuccio”, Via Sacco) alla serie di incontri “Amor di politica” condotti dal professor Claudio Bonvecchio, ordinario di filosofia della politica presso l’università dell’Insubria di Varese, a corollario della rassegna “Amor di libro”.

“I Liberi Muratori – sottolinea Raffi – operano per costruire valori spirituali ma anche per cementare ideali altamente sociali che sono quelli del dialogo multiculturale, della pace sociale, della ricerca critica della verità, nella difesa dei diritti umani e dei valori laici della convivenza civile”.

Silvia Renzi, 338 2366914,
comunicazione e rapporti con la stampa.

Roccella Jonica 10-11 maggio 2008 – Rassegna liberomuratoria nell’Alto Jonio Reggino.

Roccella Jonica 10-11 maggio 2008 – Rassegna liberomuratoria nell’Alto Jonio Reggino.

Fine settimana all’insegna della Massoneria. L’ex Convento dei Minimi, a Piazza San Vittorio, ospiterà il 10 e 11 maggio una rassegna di cultura liberomuratoria organizzata dalle logge dell’Alto Jonio Reggino e dal Collegio circoscrizionale della Calabria con il patrocinio del Comune di Roccella Jonica. Apre la manifestazione il 10 maggio (ore 18,30) la presentazione del libro di Lionello Leoni “Il libero muratore: un Ulisside del terzo millennio?” con la partecipazione del sindaco Sisinio Zito che in apertura saluterà i presenti insieme al presidente circoscrizionale Filippo Bagnato. In programma gli interventi – moderati dal presidente del Consiglio dell’Alto Jonio Reggino Antonio Bagnato – del dirigente scolastico Giovanni Pittari, del critico d’arte Giuseppe Livoti e del docente universitario Giuseppe Lombardo. Sarà presente l’autore.

Nella stessa sede una mostra di antichi testi e cimeli massonici accompagnerà l’iniziativa. “Thesauri Latomorum” è il titolo dell’esposizione, prevista anche per il giorno successivo, costituita da sette vetrine con materiale storico del XIII secolo fino ai giorni nostri. Secondo gli organizzatori “con pochi e selezionati ‘pezzi’ si è cercato di gettare un sasso nello stagno, di suscitare l’interesse ‘culturale’ nel visitatore, nell’intento di incuriosirlo, di stimolarlo alla ricerca spassionata, allo studio e, in definitiva, alla comprensione di ciò che la Libera Muratoria realmente rappresenta: antico, universale e fondamentale supporto all’elevazione spirituale e morale dell’uomo e dell’Umana famiglia.
Ingresso libero.

Info: Francesco Grillo 0964 20702, Giovanni Pascale 339 4079909

© RIPRODUZIONE RISERVATA